Sab 18 Gen 2020 - 2028 visite
Stampa

La Lega si riunisce a Ferrara per parlare di agricoltura: “Via Imu e Tari”

Il sindaco Fabbri annuncia forti investimenti nel settore. E l'ex ministro Centinaio parla del lancio di un piano strategico nei prossimi anni

di Pietro Perelli

“Abbiamo raccolto non solo il nord Italia ma tutta Italia – dice l’ex ministro dell’agricoltura Marco Centinaio – perché c’erano gli europarlamentari e, oltre ai rappresentanti di Camera e Senato, gli assessori con delega all’agricoltura di tutte le regioni amministrate dalla Lega”. Si sono infatti riuniti a Ferrara molti esponenti del Carroccio che hanno competenze agricole a vario livello, locale, regionale, nazionale o europeo. Un convegno nel quale si è fatto, dice sempre Centinaio, “il punto della situazione su quelle che secondo noi sono le problematiche principali come la risoluzione del problema della fauna selvatica ma anche la xylella al sud e la cimice asiatica al nord, tutte problematiche sulle quali il ministero deve intervenire il più velocemente possibile”.

Dopo un primo incontro a porte chiuse, in cui hanno “parlato anche di idee e di progetti”, la delegazione si è spostata all’azienda Salvi per visitare l’impianto di lavorazione della frutta e incontrare la stampa. “La Lega – dice Centinaio parlando delle idee e dei progetti – lancerà un piano strategico per l’agricoltura nei prossimi anni, ci confronteremo con le associazioni di categoria perché vogliamo far capire, soprattutto ai cittadini, che per noi l’agroalimentare, l’etichettatura ma soprattutto l’agricoltura sono fondamentali”.

Evidentemente soddisfatto anche il sindaco di Ferrara Alan Fabbri che considera “un merito per Ferrara ospitare questo incontro” e ringrazia Salvi “per averci ospitato in una delle aziende più importanti del territorio”. “La mia Amministrazione – spiega – ha inserito per la prima volta la delega all’agricoltura, tema in cui credo molto e in cui investiremo nei prossimi cinque anni”. Proprio riguardo a ciò dichiara l’intenzione di abolire l’Imu sui terreni agricoli anche per gli imprenditori agricoli che ora, a differenza dei coltivatori diretti, non ne sono esenti e di abolire la Tari sui fabbricati rurali, quelli che sono definiti beni strumentali rurali accatastati in D/10. “Credo – conclude – che la Lega sia stata sempre in prima fila nella difesa degli agricoltori”.

Oltre ai delegati sono presenti anche i candidati alle prossime regionali Chiara Montori e Fabio Bergamini. La prima sottolinea l’importanza dell’agricoltura “soprattutto in Emilia Romagna e nel Ferrarese in particolare perché è il settore economico prevalente”. “La Regione – conclude – deve farsi carico di mandare contributi, di snellire la burocrazia, di aiutare il credito verso le imprese agricole che sono in forte difficoltà in questo momento.”

Bergamini tocca invece un tema abbastanza scottante in campo agricolo come quello delle cooperative dicendo che hanno “una visione nuova, da sindaco ne ho aperta una che aiuta i disoccupati a trovare lavoro e ritrovare la loro dignità. E’ un tema importante, perché per noi le cooperative non sono rosse o bianche ma sono delle persone e devono tornare a esserlo”. Non mancano anche due parole sull’agricoltura, “uno dei temi più sottovalutati di cui si parla solo in campagna elettorale”, e sugli agricoltori “considerati i peggiori inquinatori del nostro paese quando tantissimi territori della nostra provincia sono tenuti in condizioni idrogeologiche apprezzabili soltanto grazie al loro lavoro”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi