Ven 17 Gen 2020 - 696 visite
Stampa

Kleb pronto per il derbyssimo: “Consapevoli del nostro valore”

Coach Leka presenta il match di domenica e chiama a raccolta i propri tifosi. Con i 500 da Forlì ci si aspetta un palasport pieno

di Matteo Bellinazzi

Partita tutta da gustare, in campo e fuori, quella in programma per domenica, alle 18 al Mf Palace. Un derby molto sentito quello tra Ferrara e Forlì che vedrà impegnata la seconda (Forlì) contro la terza (Ferrara) in classifica e una vittoria per i ferraresi significherebbe agganciare il secondo posto.

“Non potevamo arrivare a questo appuntamento meglio di così” dice orgoglioso coach Spiro Leka che punta ad allungare la striscia vincente di questo 2020, dove la sua Feli Pharma non ha ancora assaporato il sapore amaro della sconfitta. “Siamo una squadra in ritmo, consapevole dei propri mezzi e siamo anche in forma fisicamente”.

A parte un leggero dolore alla schiena di Beretta, che lo ha limitato per tutta la settimana, infatti, il Kleb può contare su tutti gli effettivi a disposizione del proprio roster, e sta ritrovando un Folarin Campbell che comincia ad assomigliare al giocatore che la passata stagione ha fatto innamorare il pubblico estense.

Ed è proprio al popolo biancazzurro che il coach ma anche il presidente D’Auria si rivolgono, chiamandolo a raccolta per sostenere la propria squadra contro i 500 forlivesi attesi per questo derby.

“Il sostegno del pubblico sarà fondamentale per creare quell’atmosfera in cui ai giocatori piace moltissimo giocare–dichiara Leka–. Sono molto contento di come ci stanno supportando dall’inizio della stagione. Il nostro è un pubblico che sostiene i propri colori, ci segue ovunque e soprattutto è corretto, d’esempio per altre società”.

A livello tecnico l’Unieuro può vantare al momento la panchina più lunga del campionato, a detta del tecnico estense che ha ben fresco nella memoria il match di andata dove i romagnoli si esibirono in una prestazione balistica d’eccezione, segnando 104 punti e avendo la meglio sul Kleb in un secondo tempo a senso unico.

“Consapevoli che sarà una sfida dura – sottolinea il coach – ma daremo battaglia. Queste sono quelle partite che possono essere decise da episodi, particolarmente importante è quindi curare i dettagli”.

Se si dovesse scegliere un giocatore solo da limitare il condottiero estense, da ex playmaker, punterebbe su Jacopo Giacchetti, “in forma strepitosa che sta disputando un campionato di alto livello e detta i ritmi della squadra. Da non dimenticare però–proseguendo a descrivere l’avversario–dell’esperienza di Klaudio Ndoja – tra l’altro un ex – ma anche di Bruttini e Benvenuti che danno un contributo fondamentale. E poi gli americani, Rush – altro ex di giornata – e Watson, che possono segnare ma sanno anche mettersi al servizio del gruppo”.

“Si alzerà il livello–sottolinea Leka in conclusione–. Con i 22 punti in classifica che ora abbiamo l’anno scorso ci siamo salvati, e dopo il bel successo di Udine mi auguro che questo e la posizione che ora occupiamo diano la consapevolezza alla città del lavoro fatto. Ma – avverte –mai abbassare la guardia e compiacersi, il campionato è ancora lungo e abbiamo gli occhi puntati solo alla battaglia di 40’ che ci aspetta tra pochi giorni. Forlì è una montagna da scalare molto importante”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi