Ven 10 Gen 2020 - 9444 visite
Stampa

Pinguini estensi. Gli amministratori: “Ci dissociamo da quei commenti”

A due giorni di distanza dall'articolo con cui Estense.com ha svelato gli odiosi contenuti presenti sulla pagina Facebook e dopo i primi annunci di querele, i gestori parlano attraverso il proprio legale: “Chi ha scritto quelle cose, se ne assume le responsabilità”

L’immagine di copertina del gruppo I Pinguini estensi

“Moderatori e amministratori si dissociano dai commenti che costituiscono reato”. A due giorni di distanza dall’articolo con cui Estense.com ha svelato gli odiosi contenuti presenti sulla pagina Facebook dei ‘Pinguini estensi’ e dopo i primi annunci di querele, i gestori parlano attraverso il proprio legale, l’avvocato Denis Lovison.

Gli amministratori Sergio Tracchi (il fondatore del gruppo), Paolo Pennini, Arianna Pocaterra, Paola Romani, Alberto Ferretti, Raffaella Breveglieri e moderatori Stefano Mezzetti e Stefano Giglioli/Meri Pezzolati (che oggi non risulta più in carica, diciamo) non si considerano in alcun modo responsabili per aver ospitato nel gruppo commenti che vanno dall’odio sociale e politico all’antisemitismo, fino alla diffamazione personale come nel caso, ad esempio, di Ilaria Cucchi e Fabio Anselmo che già hanno annunciato azioni legali.

“Non è che se una persona commenta un post scrivendo cose che costituiscono reato allora tutto il gruppo e amministratori e moderatori le condivide”, afferma ancora l’avvocato Lovison. “Ci sono policy rigide create dagli amministratori in cui si invita a non offendere nessuno e controlli di Facebook tramite algoritmi su parole chiave e a differenza di quello che succede per altre pagine che sono state chiuse perché i contenuti sono stati considerati inappropriati, la pagina dei Pinguini estensi non è stata bloccata. Evidentemente cose così gravi non sono state tollerate e accettate, ma davanti a 5mila iscritti è difficile controllare tutti i commenti e quindi qualcosa può sempre sfuggire, in ogni caso quei contenuti non devono essere associati agli amministratori”.

“Chi ha scritto quelle cose, se ne assume le responsabilità – specifica ancora Lovison -. Ovviamente bisogna stare attenti, ognuno ha il diritto di esprimere le proprie opinioni, c’è anche una libertà di satira, che può essere a volte tranciante, secca, ma quello che esce da questo concetto costituisce reato e chi lo scrive se ne assume la responsabilità. Non è neanche corretto essere offensivi, al di là del penalmente rilevante”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi