Gio 28 Nov 2019 - 397 visite
Stampa

Una Panchina Rossa al Palagym come monito contro la violenza

Folla alla cerimonia della Palestra Ginnastica Ferrara. Mondo sportivo e istituzionale in difesa dei diritti delle donne

Un momento della cerimonia (foto di Emanuele Menegozzo)

Una bella giornata di sole e l’area esterna del Palagym “Orlando Polmonari” piena di persone, soprattutto giovani, sono stati la cornice ideale per l’inaugurazione della “Panchina Rossa” voluta dalla Palestra Ginnastica Ferrara in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

La cerimonia ha inizio con le parole appassionate di Franco Mantero, presidente della Palestra Ginnastica Ferrara, sul ruolo della donna e sul dovere di educare delle associazioni sportive, responsabili anch’esse della formazione delle future generazioni, dovere alla quale la Pgf non si è mai sottratta nella sua storia ultracentenaria.

È poi il momento delle numerose autorità presenti in rappresentanza degli enti patrocinatori dell’iniziativa, con gli assessori Angela Travagli e Dorota Kusiak, i delegati provinciali del Coni Luciana Pareschi (presente anche come presidente Panathlon Club), del Comitato Paralimpico Francesco Alberti, del Unasci Mirko Rimessi, della Fisr Daniele Zabbari, del presidente comunale Avis Sergio Mazzini, dei rappresentanti degli Azzurri d’Italia sezione di Ferrara e di Soroptimist International Italia Sara Checchi, che rimarcano le parole di Mantero aggiungendo importanti spunti di riflessione, come i numeri dei femminicidi in Italia, testimonianza che queste manifestazioni sono esigenza e non moda, il ruolo della donna e le problematiche in campo sportivo, le ulteriori difficoltà relative alla donna con disabilità.

Attivissimo il ruolo dell’Avis, presente con molti rappresentanti del direttivo comunale, per consegnare la spilla celebrativa della giornata legata allo slogan nazionale “il sangue si dona e non si versa”. Non poteva che essere così visto che la Panchina Rossa (che ricordiamo essere un progetto nazionale voluto dagli Stati Generali delle Donne) è così proprio per il colore del sangue, e la sua installazione intende ricordare lo spazio idealmente occupato da una donna che non c’è più, portata via dalla violenza.

Per questo, collocata in luogo pubblico, vuole rappresentare un momento di riflessione ogni volta che viene vista ed utilizzata, un “monumento” civile di significato immediato che ha anche il valore aggiunto di coinvolgere e fare comunità intorno ad una tematica sempre più alla portata di tutti. Rispetto ad attività di carattere temporale, come mostre ed eventi, la panchina rossa resta ogni giorno presente, come monito per la difesa dei diritti delle donne.

E presso il Palagym “Orlando Polmonari” questa panchina potrà essere utilizzata e vista tutti i giorni, e trattandosi di un “luogo di sport” si propone anche di avere il compito aggiuntivo di ricordare la lotta contro tutte le discriminazioni verso le donne vissute in ambito sportivo, come evidenziato già dalla Carta dei Diritti delle Donne nello sport pubblicata nel 1985 ma ancora attualissima.

Per far sì che la riflessione continui oltre il 25 novembre la Pgf ha realizzato una speciale cartolina sulla quale scrivere il proprio pensiero o citazione relativo a questo tema, per poi raccoglierle in uno speciale “libro-dediche” della Panchina Rossa al Palagym. La cartolina in formato cartaceo è disponibile gratuitamente presso la struttura fino ad esaurimento scorte.

Questa iniziativa si inserisce nelle tante di carattere sociale volute della Palestra Ginnastica Ferrara che, ad esempio, lo scorso anno ha avviato una campagna di sensibilizzazione per l’utilizzo degli stalli per disabili nel parcheggio di piazzale atleti Azzurri d’Italia. Nello specifico l’installazione della Panchina Rossa cade durante l’anno, e il conseguente ciclo di manifestazioni, volute per festeggiare 140 anni della associazione sportiva fondata da Alfonso Manarini nel 1879. E proprio l’occasione di ieri è stata colta dal Panathlon Club Ferrara per consegnare lo stendardo celebrativo realizzato per la ricorrenza.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi