Dom 17 Nov 2019 - 349 visite
Stampa

Bondeno, 22mila euro per ‘Rete Donna’

Il progetto per le pari opportunità nel lavoro riceve il riconoscimento e il finanziamento anche dalla Regione

Bondeno. Si dice che l’unione fa la forza: lo sanno bene istituzioni e Terzo Settore che hanno lavorato a “Rete Donna”, il progetto che ha ricevuto il riconoscimento ed i finanziamenti della Regione, per promuovere la “rete” di rapporti creatasi per accogliere tutte le esigenze delle donne del territorio.
Un progetto nato alcuni mesi fa e approvato anche in consiglio comunale, e che sarà finanziato con 22mila e 400 euro (suddivisi in due anni) di cui 17mila e 920 euro da parte della Regione. Un contributo utile per sostenere le varie attività previste nel progetto: da quelle formative a quelle riguardanti le pari opportunità, fino all’assistenza che sarà fornita a chi lavora ed ha bisogno di aiuto.
«Crediamo molto in questo progetto – spiegano l’assessore alle Pari opportunità, Francesca Aria Poltronieri, e l’assessore alle Politiche sociali, Francesca Piacentini – perché nella società contemporanea la donna va sostenuta e valorizzata, dal momento che è costretta a conciliare la sua legittima aspirazione professionale, con il suo ruolo di madre e, spesso, di “care giver”, che svolge lontano dai riflettori. Assistendo gli anziani e le persone malate o diversamente abili della propria famiglia».
In che modo il progetto potrà riequilibrare il discorso nell’ambito delle pari opportunità? «Abbiamo voluto coinvolgere diversi soggetti, come Ial Emilia-Romagna di Ferrara, La Locomotiva, la Cooperativa sociale Serena, Coop sociale In Cammino e la Parrocchia di Scortichino, tutte già coinvolte in numerose nostre iniziative. Lo scopo è quello di fornire formazione, aiuto e contribuire al ruolo delle donna nella società. Per esempio, arrivando a definire un “albo” delle collaboratrici familiari (quelle che in gergo vengono definite “badanti”) e delle baby-sitter – dicono Poltronieri e Piacentini – che sono figure alle quali, prima o poi, molte persone sono costrette a chiedere aiuto. Non vogliamo lasciare indietro nessuno e, anzi, vogliamo implementare la nostra capacità di lettura del bisogno, attraverso questa rete di attori sociali distribuiti sul territorio, per essere in grado di leggere (prima) i mutamenti della società».
Il progetto “Rete Donna” ha ricevuto il contributo di 17mila e 920 euro dalla Regione, mentre il Comune inserirà il resto del budget necessario. La Regione Emilia-Romagna erogherà 3mila e 584 euro per il 2019 e 14mila e 336 euro per il 2020. Nella speranza, naturalmente, che “Rete Donna” possa tracciare un sentiero, lungo il quale proseguire anche in futuro.
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi