Ven 15 Nov 2019 - 329 visite
Stampa

‘Due Mondi e una Rosa per Anita’, Regione e Comuni ‘garibaldini’ al lavoro

Comacchio e Argenta al tavolo bolognese per rafforzare la rete istituzionale su cui si poggia il programma sviluppato negli anni tra Italia e Brasile

Argenta, Comacchio. Ha buone prospettive di crescita il progetto regionale ‘Due Mondi e una Rosa per Anita’, che già da anni coinvolge i luoghi che hanno in comune la figura di Anita Garibaldi e che la giunta della Regione Emilia Romagna ha dichiarato di voler implementare e valorizzare ulteriormente nei prossimi mesi. Tra i soggetti interessati anche il Comune di Comacchio, rappresentato nei giorni scorsi al tavolo felsineo dall’Assessore Robert Bellotti.

Gli autori del progetto Andrea Antonioli, coordinatore e Direttore del Museo e Biblioteca Renzi, Giampaolo Grilli e Alessandro Ricci dell’Istituto Tecnico Garibaldi-Da Vinci di Cesena, hanno per l’occasione esposto i nuovi importanti sviluppi e spunti favoriti dal viaggio in Brasile di Antonioli e del suo staff.

Ne è derivato un interessante e proficuo tavolo di lavoro: il segretario di Stato della Repubblica di San Marino Marco Podeschi, unitamente a tutti i rappresentanti dei Comuni romagnoli che fanno parte del Comitato d’onore aderente al progetto della Rosa (Argenta, Poggio Torriana, Verucchio, Modigliana, Dovadola, Castrocaro Terme e Comacchio) hanno convenuto di collaborare con le autorità brasiliane, invitandole in Italia ad aprile, per dar vita a progetti turistici e culturali e a gemellaggi tra i due paesi, nonché a eventi particolari che vedranno la piantumazione della rosa di Anita in altra Comuni della Romagna. Il Comune di Comacchio ha piantumato la propria Rosa in occasione delle celebrazioni per il Centenario di Porto Garibaldi, lo scorso 13 aprile.

A sinistra l’assessore comacchiese Robert Bellotti

Non è mancato nemmeno il sostegno del Ministero della Cultura e del Turismo, con il ministro Dario Franceschini, che ha già comunicato di voler diffondere e implementare questo progetto che si sta diffondendo in Sud America, ma che ha enormi potenzialità di propagarsi in ogni parte del mondo per la sua forza espressiva e il suo potere di valorizzare la memoria.

Antonioli e Grilli hanno infine consegnato agli ospiti intervenuti, gli attestati di merito ricevuti dal Parlamento brasiliano dello Stato di Santa Catarina, mentre una speciale lettera confezionata dai deputati del Parlamento federale di Brasilia è stata ricevuta dal presidente Stefano Bonaccini, dal Museo Renzi e dallo staff della Rosa.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi