Ven 8 Nov 2019 - 2403 visite
Stampa

Boldrini (Pd): “Scorta alla Segre è conferma che razzismo si sta rinsaldando”

La senatrice dem attacca Balboni (Fdi) sulla commissione: “Tentare di sminuire significa fingere di non vedere fatti sotto gli occhi di tutti. Anche a Ferrara”

“La scorta assegnata alla Senatrice a vita, Liliana Segre, in seguito alle minacce ricevute nei giorni successivi all’approvazione della mozione da lei promossa per l’istituzione di una ‘commissione straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza’, è la conferma più evidente che odio e razzismo si stanno rinsaldando. Tentare di sminuire, come ha fatto il senatore Alberto Balboni, di Fratelli d’Italia, significa fingere di non vedere fatti sotto gli occhi di tutti. Anche a Ferrara”. Così Paola Boldrini, senatrice Pd, replica al collega Alberto Balboni (Fdi), esprimendo al contempo “soddisfazione” per l’ordine del giorno sottoscritto anche dal Pd in Consiglio comunale.

Balboni, dal canto suo, ritiene che “nella mozione (che riproduce pari pari analoga proposta dell’ex presidente della Camera Laura Boldrini) c’è il palese scopo di creare un antidemocratico strumento di censura, affidando ad una commissione di politici (in maggioranza di sinistra) il potere di chiedere la rimozione da giornali e dal web di quelle che vengono classificate ‘parole d’odio’ (hate speech)”.

Boldrini ricorda a Balboni i fatti di bullismo avvenuti la scorsa primavera, in un istituto scolastico cittadino, ai danni di uno studente ebreo. “Un fatto che, come Balboni sa, è stato ufficialmente riportato come grave anche nel documento conclusivo elaborato dalla Commissione Infanzia”. Al senatore di Fdi, che ha definito la classificazione delle parole previste dalla mozione “un antidemocratico strumento di censura”, Boldrini ricorda che “si parte proprio dalla scelta delle parole per creare un clima di tolleranza o di odio. Proprio perché sono fondamentali nel forgiare e indirizzare sentimenti, viene data tanta importanza al loro contestuale utilizzo”.

In Regione, infine, è passata la proposta M5s-Pd a “sostegno a Commissione parlamentare e campagna regionale contro razzismo e antisemitismo” presentata con una risoluzione che ha come primo firmatario Andrea Bertani. Nel corso della seduta di giovedì della commissione Cultura, scuola, formazione, lavoro, sport e legalità, presieduta da Giuseppe Paruolo, l’atto d’indirizzo è stato sottoscritto anche da Si e Silvia Prodi (Misto), oltre che da numerosi consiglieri del Pd, che l’hanno approvato congiuntamente ai proponenti. Unico voto contrario quello di Michele Facci (Fdi).

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi