Mar 29 Ott 2019 - 347 visite
Stampa

Un fondo per lo smaltimento dei rifiuti agricoli

La società Cascina Pulita srl aderisce al bando municipale e riconoscerà un contributo

Bondeno. La società Cascina Pulita Srl ha aderito al bando del Comune, e riconoscerà dunque agli agricoltori che si rivolgeranno ai propri servizi ambientali un contributo per lo smaltimento dei rifiuti derivanti dalle lavorazioni agricole. Il bando è stato pubblicato durante l’estate, secondo l’intenzione del sindaco Fabio Bergamini di sostenere le attività agricole del territorio, abbattendo i loro costi di smaltimento dei rifiuti. Al bando ha aderito attualmente Cascina Pulita Srl, la cui domanda di partecipazione è stata accolta lo scorso 15 ottobre, attraverso la determina numero 964 dell’Ufficio Ambiente comunale.

In sostanza, cosa accadrà ora in termini di benefici per gli agricoltori? «Utilizzando i fondi che abbiamo messo a disposizione – spiega il sindaco Fabio Bergamini – la società Cascina Pulita, che ha aderito al bando, potrà praticare una riduzione dei costi a carico degli agricoltori per lo smaltimento di contenitori di fitofarmaci, e altri scarti derivanti dal lavoro agricolo considerati “non pericolosi”. Gli agricoltori si vedranno riconosciuta in fattura una riduzione fino a 150 euro dei costi, che saranno coperti dal Comune».

Il municipio ha messo a disposizione complessivamente 15mila euro per questo fondo sperimentale, che tuttavia l’Amministrazione vorrebbe rendere “strutturale”, ovvero finanziabile ogni anno. Il bando di quest’anno, al quale ha aderito finora Cascina Pulita Srl, era aperto a Consorzi Agrari, cooperative agricole, i gestori dei Centri di Coordinamento e finora ha avuto un solo partecipante. Non è escluso che in futuro si possa allargare ad altri soggetti il bacino d’utenza.

«In un momento storico in cui le aziende agricole vengono considerate come attività “impattanti” per l’ambiente, ci siamo mossi lontani da tempi sospetti per riaffermare il prezioso ruolo svolto dagli agricoltori del nostro comune – conclude Fabio Bergamini -, cercando di abbattere quelli che sono i costi della loro produzione, che è di alta qualità e genera valore per un territorio come il nostro».

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi