Sab 26 Ott 2019 - 241 visite
Stampa

Un riconscimento di Ado alle associazioni amiche

La Fondazione ha consegnato delle targhe a “Gli amici di Stefano” e alla Pro loco di Ambrogio

di Marta Petrucci

Copparo. Una targa per il contributo dato alla Fondazione Ado: il riconoscimento è stato consegnato giovedì all’associazione “Gli amici di Stefano” e alla Pro loco di Ambrogio in una cerimonia che si è tenuta nella sala consiliare del Comune di Copparo.

Ad aprire l’incontro è stato il vicepresidente della Fondazione, Claudio Ramazzina, che ha presentato la nuova presidente, l’avvocato Gisella Rossi, la quale ha sottolineato l’impegno di Ado a sostegno delle famiglie e ha riconosciuto a Gloria Ossi – la madre di Stefano Resca e fondatrice dell’associazione a lui dedicata – e a tutti i suoi collaboratori (il presidente Marcello Turolla, il viceo Daniele Fusi) la loro dedizione in questa campagna che negli anni ha sempre organizzato molti eventi e cene a sostegno della fondazione.

Il sindaco Fabrizio Pagnoni, affiancato dalla dalla vice Franca Orsini e da due assessori, si è detto “felice di poter ospitare in una sala comunale un evento così importante”, sottolineando il concetto che “l’amministrazione del comune vuole stare vicino ai suoi abitanti, in modo diretto e indiretto, offrendo il proprio sostegno a tutte le associazioni di volontariato del territorio” ed elogiando anche la collaborazione e l’impegno di queste associazioni che “rendono la vita più facile alle altre persone”.

Infine, le targhe consegnate da Gisella Rossi: una a Gloria Ossi e Marcello Turolla e l’altra al presidente di Pro Loco di Ambrogio, Riccardo Pocaterra.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi