Mer 23 Ott 2019 - 1033 visite
Stampa

L’Università Popolare non chiuderà

Pronta la convenzione per far proseguire le lezioni all'istituto De Pisis

L’Università Popolare di Ferrara potrà proseguire le attività didattiche. Il Comune si è fatto mediatore di una difficile situazione e, garantendo un sostegno economico alla scuola ospitante, ha scongiurato il pericolo che il patrimonio culturale dell’ente andasse disperso per mancanza di spazi adeguati.

L’Università Popolare è un’associazione che senza fini di lucro svolge la propria attività di promozione sociale e culturale attraverso l’opera di divulgazione e di studio presso locali comunali a partire dalla prima convenzione risalente al 1938.

Con una delibera del 2016 il Comune ha concesso all’Università Popolare di Ferrara, per gli anni scolastici 2015/2016 e 2016/2017, l’uso temporaneo di sette aule della scuola secondaria di primo grado “Filippo De Pisis” per lo svolgimento di attività didattiche e la concessione è stata rinnovata per i due anni successivi. In queste settimane l’Università ha chiesto un ulteriore rinnovo e la possibilità di utilizzo degli spazi per gli anni 2019/2020 e 2020/2021.

Riconosciuto il valore sociale e culturale dell’istituzione, l’amministrazione comunale, in qualità di proprietario degli immobili della scuola ha dato sin da subito massima disponibilità a rinnovare la convenzione di concessione dei locali all’Università popolare.

La concessione è però subordinata al parere favorevole del Consiglio d’istituto della scuola ospitante che, nel merito, aveva recentemente sollevato alcune problematiche relative alla gestione degli spazi, criticità di vecchia data, mai affrontate prima e che mettevano a rischio, se non risolte, la prosecuzione del rapporto.

Esaminate la convenzione appena scaduta e le problematiche emerse, nelle settimane scorse il Comune si è posto come intermediario tra la scuola e l’Università popolare per elaborare un accordo condiviso. Sono state accolte le richieste avanzate dalle parti e il Comune è pronto a rinnovare la convezione per l’anno scolastico 2019/20 permettendo un regolare avvio delle attività. L’amministrazione comunale si è impegnata a sostenere anche dal punto di vista economico una progettazione condivisa tra l’Università e la scuola ospitante al fine di arricchire l’offerta formativa presente nel quartiere di via Bologna.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi