Mer 23 Ott 2019 - 1909 visite
Stampa

La Cittadella dello Sport cresce con un cantiere da 1,5 milioni

Dal 2020 lavori al velodromo, pattinodromo, campi da calcio e tennis. Arriva un nuovo impianto per il paddle. Dubbi sul futuro del Palapalestre

Cantiere in vista per la riqualificazione della Cittadella dello Sport. Ripristino dell’impianto di illuminazione al velodromo, messa a norma degli spogliatoi al pattinodromo, copertura dei campi da calcio e tennis, realizzazione di un nuovo impianto per il paddle e creazione di percorsi per collegare i vari impianti sono gli interventi finanziati da Regione (775mila euro), Comune (325mila euro) e privati, ovvero Uisp e circolo tennis gestori degli impianti (400mila euro).

Un investimento complessivo di 1,5 milioni, quindi, svelato in commissione consiliare dall’assessore allo Sport Andrea Maggi e dall’ingegnere Ferruccio Lanzoni che presenta il piano di battaglia: “Siamo appena partiti con la progettazione esecutiva, aggiudicata allo studio Franco Mantero, da finire entro l’anno per aggiudicare e far partire i lavori nel 2020, da concludere necessariamente entro il 2021 come previsto dal bando regionale che ci ha concesso il massimo del co-finanziamento”.

I tempi sono stretti e le idee sono tante per il “miglioramento funzionale di tutti gli impianti nella zona di Porta Catena” assicura Maggi, citando il velodromo riaperto in gestione diretta del Comune, il pattinodromo in convenzione con Uisp che scade ad aprile 2021 e che ha già visto il cambio della vecchia copertura, il campo da tennis in gestione al club fino al 31 dicembre 2020, dove sorgerà anche il nuovissimo impianto di paddle (una sorta di tennis contro il muro, disciplina in grande ascesa), il campo scuola comunale recentemente rinnovato e in mano a Uisp fino al 31 dicembre e ovviamente il Palazzo delle Palestre, la cui convenzione è in scadenza.

È proprio il Palapalestre ad avere il futuro più incerto. Il Comune paga l’affitto al Coni (30mila euro all’anno) e la manutenzione (che solo nel 2019 ha sfiorato i 100mila euro), una spesa considerata troppo onerosa tanto da spingere l’amministrazione a ipotizzare l’acquisto della struttura, valutata sotto il milione di euro, attraverso l’Istituto per il Credito Sportivo.

L’ipotesi solleva critiche dall’opposizione che, per voce di Dario Maresca (Gente a Modo) e dello stesso dem Aldo Modonesi, si chiede in quanti anni verrebbe ammortizzato l’investimento su un immobile che ormai ha 50 anni, tenendo che “con un milione di euro si costruiscono due palestre nuove”.

Irrealizzabile e a tratti ilare l’idea di Federico Soffritti (FdI) di noleggiare la tensostruttura della Festa del Regalo per ospitare le corse di atletica leggera, un settore su cui Ciriaco Minichiello (Lega) promette il “massimo impegno per evitare una guerra tra poveri”. Rassicurata Roberta Fusari (Azione Civica) sugli abbattimenti degli alberi, perché il progetto attuale prevede la salvaguardia del patrimonio verde, nonostante l’abbattimento dei ‘confini’ per mettere in comunicazione i vari impianti della cittadella. Non verrà toccato il centro di medicina dello sport.

Novità in vista anche per la Consulta dello Sport che ai membri già previsti – Comune, Ufficio Scolastico Provinciale, Università, Coni, Comitato Italiano Paralimpico e Ausl – verrà aggiunto un delegato per ciascun ente di promozione sportiva del territorio. Una scelta che vede d’accordo tutti per “rendere questo organismo consultivo, nato nel 2014, più rappresentativo del mondo sportivo” spiega l’assessore Maggi che intende “convocare periodicamente la consulta per risolvere criticità e tensioni nell’ambiente sportivo”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi