Lun 21 Ott 2019 - 783 visite
Stampa

Panni si traveste da Jordan e Ferrara batte Mantova

Con 23 punti nel solo ultimo quarto la guardia trascina la Feli Pharma

(Foto di Giovanni Culmone)

di Andrea Mainardi

Domenica da ricordare per i tifosi dell’MF Palace, che vivono emozioni fortissime al termine di una gara non bellissima ma molto equilibrata, che riserva per il finale la sua parte migliore.

Se infatti per lunghi tratti Ferrara soffre l’assenza di Baldassarre e l’ennesimo passaggio a vuoto di Campbell in attacco, i biancoazzurri si godono un Panni superstar. Dopo tre quarti sostanzialmente anonimi infatti la guardia infila ventitre punti incredibili negli ultimi dieci minuti trascinando gli estensi alla vittoria.

Benissimo anche Vencato, che da ex sciorina una prestazione clamorosa andando vicino alla tripla doppia e Wiggs, che con venti punti è cruciale nel trovare canestri anche difficili. Una vittoria questa che fa già morale ridando slancio al gruppo di coach Leka che, dopo Ravenna, trova in Beretta un giocatore più che valido ed ottiene una risposta di grande personalità da tutto il gruppo anche se restano i problemi soprattutto nel costruire in attacco.

La cronaca: Chi si aspettava una reazione ferrarese dopo la sconfitta di Ravenna resta deluso. Ferrara infatti inizia col freno a mano tirato, andando a segno soprattutto con iniziative personali e perdendo da subito brutti palloni. Mantova pur non facendo nulla di trascendentale si affida a Lawson che da sotto e da tre segna dieci punti nel primo quarto trascinando i suoi sul 13-19. La Feli Pharma come al solito fatica ad ‘aprire la scatola’ deficitando nel tiro da fuori, dove il solo Ebeling ha successo. Cose migliori si vedono nel secondo quarto con l’esordio stagionale di Beretta che lavora bene a rimbalzo e con un Vencato indiavolato che attacca con convinzione l’area virgiliana portando anche avanti la Feli Pharma sul 28-26. La reazione della Pompea arriva però puntuale con Ferrara da tre e quattro punti di Lawson che costringono coach Leka al timeout. I biancoazzurri continuano ad andare a corrente alternata ma nonostante tutto chiudono il primo tempo a contatto sul 33-34, pur con le solite zavorre che sono i liberi (7/13) ed il tiro da tre 2/12. Nella ripresa la Feli Pharma pigia sull’acceleratore grazie a Wiggs su entrambi i lati del campo trovando il +3. Mantova dal canto suo ha più talento e riesce con questo a sopperire alle proprie mancanze lasciando Clarke e Lawson a fare e disfare, tornando comunque avanti di nuovo (44-47 al 26′). Ferrara, con Vencato in panchina a riposare, fatica a trovare terminali offensivi efficaci ed il solo Wiggs ha qualche iniziativa positiva che permette ai biancoazzurri di restare a contatto anche a fine terzo quarto. Gli ultimi dieci minuti posso poi essere descritti in due parole: ‘Panni show’. Il play guardia infatti ‘impazzisce’ mettendo a referto ventitre punti con una prestazione in un singolo quarto da storia nella palla a spicchi ferrarese. Oltre a lui, anche Wiggs è autore di canestri pesantissimi così come Vencato e Campbell che si applicano magistralmente in difesa. Mantova prova a restare in gara fino alla fine ma, canestro dopo canestro, la Feli Pharma va a vincere nel più bello dei modi.

Feli Pharma Ferrara – Pompea Mantova 83-74 (13-19; 20-15; 19-21; 31-19)

Ferrara: Vencato 19, Panni 25, Campbell 6, Fantoni 7, Wiggs 20, Ramazziotti n.e, Beretta 0, Petrolati n.e, Buffo 3, Balducci n.e, Ianelli n.e, Ebeling 3.

Mantova: Raspino 6, Lawson 21, Maspero 3, Clarke 18, Ghersetti 8, Sarto 0, Vigori 2, Visconti 11, Epifani n.e, Ferrara 5, Poggi 0, Tognoni n.e.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi