Lun 21 Ott 2019 - 127 visite
Stampa

Il chitarrista Bill Frisell presenta ‘Harmony’ al Torrione

Martedì 22 ottobre il ritorno di una leggenda vivente della chitarra al Jazz Club Ferrara

Martedì 22 ottobre (inizio ore 21.30) il Jazz Club Ferrara vede il ritorno di una leggenda vivente della sei corde, Bill Frisell. Il chitarrista di Baltimora presenta al pubblico del Torrione Harmony, nuovo album con cui approda alla Blue Note Records in qualità di leader. Lo affiancano Petra Haden (figlia di Charlie Haden) alla voce, Hank Roberts al violoncello e voce e Luke Bergman alla chitarra baritono e voce.

“Scelgo i musicisti non per lo strumento ma in quanto persone. […] Non è importante che sia folk o jazz o altro. Io amo il suono di queste persone tutte assieme…”, spiega Frisell in una recente intervista rilasciata a Musica Jazz. Comunque sia, con Harmony l’artista ci restituisce nella sua totalità la tradizione musicale americana, attraverso l’unione, straordinariamente coerente, di tre generi: il Jazz, la New Music e il Great American Songbook.

Bill Frisell (Baltimora, 1951) si è formato alla University of Northern Colorado e alla Berklee School of Music di Boston sotto l’egida del grande Jim Hall.  Inizia la carriera da professionista nel 1979 quando Pat Metheny, impossibilitato a partecipare ad una session, lo raccomanda a Manfred Eicher, patron dell’etichetta Ecm: il gioco è fatto, Frisell entra a pieno titolo nella scuderia della casa discografica. In Line è il suo primo lavoro in solo.

È in questo periodo che si trasferisce a New York dove si creano collaborazioni durature e successivamente a Seattle: il leggendario trio di Paul Motian, Joey Baron, John Zorn, Bobby Previte, Tim Berne, Elvis Costello, Suzanne Vega, Ryūichi Sakamoto, Marianne Faithfull, David Sylvian, Dave Holland, Elvin Jones…

Con Unspeakable, Frisell vince nel 2005 il Grammy Award  come Best Contemporary Jazz Album. Nel 2016 pubblica When You Wish Upon A Star che contiene brani tratti da celebri colonne sonore, con omaggi a Ennio Morricone e Nino Rota, mentre del 2017 è tempo di Small Town, progetto in duo con il contrabassista Thomas Morgan presentato al Torrione circa un anno e mezzo fa a cui ha fatto seguito Epistrophy.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi