Lun 21 Ott 2019 - 1096 visite
Stampa

“Spazzacorrotti”, avvocati penalisti contro lo stop alla prescrizione del reato

La Camera Penale Ferrarese aderisce all’astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria e organizza un incontro sul tema per il 22 ottobre

La Camera Penale Ferrarese aderisce all’astensione dalle udienze penali e da ogni attività giudiziaria nel settore penale, con esclusione dei processi con imputati detenuti in custodia cautelare, proclamata dalla Unione Camere Penali Italiane per le giornate del 21-22-23-24-25 ottobre.

Scopo dell’astensione è sensibilizzare l’opinione pubblica e stimolare il dibattito politico sui devastanti effetti dell’entrata in vigore, prevista per l’1 gennaio 2020, della norma (inserita nella legge ‘spazzacorrotti’) “che di fatto abroga la prescrizione del reato dopo la sentenza di primo grado”.

“D’altro canto – spiega il presidente della Camera Penale Ferrarese, l’avvocato Pasquale Longobucco – è necessario smentire chi sostiene che l’istituto della prescrizione sia uno strumento nelle mani dei colpevoli per farla franca e affermare con forza che si tratta invece di un irrinunciabile istituto di civiltà giuridica e di un rimedio alla patologia di indagini e processi infiniti. Infine è da confutare che siano gli avvocati a far prescrivere i reati, atteso che un impedimento del difensore o dell’imputato, così come lo “sciopero” degli avvocati sospendono il corso della prescrizione. Piuttosto, le vere cause della lungaggine dei processi sono da ricercare nell’insufficienza dell’organico dei magistrati e del personale di Cancelleria e nell’assenza di tempi certi per la conclusione delle indagini preliminari, fase nella quale si prescrive il più alto numero di reati”.

Secondo Longobucco, dunque, la conseguenza di questa riforma non solo non avrà alcun effetto pratico per risolvere i ‘mali’ del processo, “ma avrà invece effetti devastanti, allungando ulteriormente i tempi in cui lo Stato riuscirà a definire i processi penali (non essendoci più la prescrizione ad agire da deterrente)”.

Proprio per tenere alta l’attenzione sul tema e sensibilizzare l’opinione pubblica la Camera Penale Ferrarese organizza per il 22 ottobre alle ore 17 presso Palazzo Crema in via Cairoli 13 un incontro aperto alla cittadinanza, durante il quale interverranno esponenti dell’avvocatura, della magistratura e del mondo accademico.

L’auspicio della Camera Penale Ferrarese è che la settimana di astensione proclamata dall’Unione Camere Penali Italiane, assieme alle tante iniziative che le diverse Camere territoriali organizzerranno, fungano da cassa di risonanza al grido di allarme lanciato dai penalisti italiani sin dagli albori della riforma e “possano indurre l’attuale maggioranza politica quantomeno a posticipare l’entrata in vigore della riforma, per avviare un percorso di riforma compatibile con le garanzie costituzionali che presiedono il nostro ordinamento processual-penalistico”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi