Dom 20 Ott 2019 - 1226 visite
Stampa

Copertura turnover e aumento del personale, sindacati approvano il piano sanitario

Via libera della Regione. Cgil, Cisl e Uil: "Bene l'investimento, ora risolvere i ritardi nell'uscita dei concorsi di Area Vasta"

Non solo copertura del turnover ma assunzioni per aumentare il personale. È quanto contenuto nei piani dei fabbisogni 2019/2021 e assunzioni per l’anno 2019 di entrambe le aziende sanitarie ferraresi, approvati dalla Regione Emilia Romagna con la soddisfazione dei sindacati.

“Come da noi sempre richiesto – riportano Erika Salvioli (Fp Cgil), Sonia Uccellatori (Cisl Fp) e Mauro Chiarini (Uil Fpl) – non solo sarà garantita la copertura di tutto il turnover, che nel 2019 è rappresentato da circa 164 cessazioni per l’Azienda Usl e 121 cessazioni per l’Azienda Ospedaliera, ma ci sarà anche un aumento di personale sia medico che del comparto per l’implementazione e il miglioramento dei servizi sanitari nelle due aziende”.

Le aree che verranno maggiormente implementate saranno quelle dell’emergenza, grazie anche alle linee guida regionali emanate a luglio 2019 riguardo il miglioramento dell’accesso in emergenza-urgenza, e quelle territoriali.

“Ora siamo in attesa di un incontro sindacale, richiesto ad entrambe le aziende per discutere nel dettaglio i piani assunzioni e le proposte di implementazione dei servizi – rivelano le organizzazioni sindacali – al fine di poter comprendere con maggior chiarezza quanto presentatoci con una prima informativa”.

Per il personale amministrativo è stato garantito il turnover, “ma purtroppo ad oggi a causa dei forti ritardi nell’uscita dei concorsi di Area Vasta per le categorie C e D, non a causa delle nostre aziende, ma per la scelta discutibile di effettuare concorsi di Area Vasta, ci troviamo in grande sofferenza su questo settore, che è stato anche oggetto di una nostra vertenza sindacale, ma a tutt’oggi ancora in forte crisi, pertanto ci auguriamo che i concorsi vengano espletati nel minor tempo possibile”.

Un altro obiettivo prefissato dai sindacati rispetto al personale amministrativo è che “le aziende, in tempi brevi, mantengano l’impegno preso con Cgil, Cisl e Uil di valorizzare il personale interno attraverso le selezioni interne a loro riservate”.

“Riteniamo che la difesa del servizio sanitario pubblico, garanzia della tutela della salute di tutti, debba necessariamente passare attraverso un vero e concreto investimento sul personale – commentano all’unisono Salvioli, Uccellatori e Chiarini – e quanto è stato presentato dalle due aziende sanitarie e approvato dalla Regione ne è un esempio”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi