Sab 19 Ott 2019 - 486 visite
Stampa

Stop al traffico sull’argine, c’è la petizione

I ciclisti porteranno la raccolte firme al municipio di Occchiobello: "Sulla sinistra Po niente auto per tutto l'anno"

Una petizione per limitare il traffico sull’argine Po. La raccolta firme nata fra i ciclisti e cicloturisti tesserati Uisp ha già raccolto una decina di sottoscrittori ma a breve verrà promossa sul territorio prima di essere spedita ai sindaci dei Comuni di Occhiobello, Stienta, Gaiba, Ficarolo, Salara, Canaro, Polesella, Guarda e Crespino.

Ai Comuni confinanti con il grande fiume, infatti, si chiede di “valutare l’opportunità di regolamentare la circolazione sull’argine del Po, estendendo progressivamente il divieto di circolazione degli automezzi a tutto il tratto di propria competenza e a tutto il periodo dell’anno”.

Una proposta non nuova. “La circolazione delle autovetture sull’argine a Occhiobello è oggi vietata tutti i sabati ed i giorni festivi, dalle ore 8 alle 20, per tutto il periodo estivo, dal 30 maggio al 30 settembre, ma i Comuni di Calto, Castelmassa, Castelnuovo Bariano, Bergantino e Melara hanno esteso questo divieto all’intero anno solare” esemplificano i sottoscrittori, ricordando che “diversi Comuni in alcuni tratti di loro competenza hanno inibito completamente il traffico automobilistico fatte salve particolari eccezioni; e che nella quasi totalità di argine destro del fiume Po, di competenza di Comuni della provincia ferrarese, è vietata la circolazione di auto e moto”.

Oggi, sabato 19 ottobre, in occasione del raduno cicloturistico al centro sociale di Pontelagoscuro, si inizierà la diffusione fra i ciclisti per chiedere ai diversi gruppi sportivi e non solo di aderire all’appello, già raccolto da Uisp Ferrara, Gruppo Ciclistico Csp Pontelagoscuro, Cral Petrolchimico, Fiab Ferrara, VeloFe 18 Asd, CorriFerrara, Witoor, Gruppo Podistico Salcus, Team Borghi Racing, Arieti Ferrara e Cgm Migliarino.

Giovedì 24 ottobre, alle 9, i ciclisti si daranno appuntamento per portare simbolicamente la petizione presso il municipio di Occhiobello. L’appello per proteggere un “patrimonio paesaggistico e ambientale unico e caratteristico del territorio e delle comunità della Pianura Padana” verrà promosso anche attraverso i social delle associazioni promotrici e le adesioni si potranno raccogliere scrivendo all’indirizzo salvaciclistiferrara@gmail.com.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi