Ven 18 Ott 2019 - 754 visite
Stampa

Giardino della Cremazione e Sala del Commiato, Gecim guarda all’ampliamento

Il nuovo amministratore unico si presenta. Silvia Buzzoni: "Numeri rilevanti e in continua crescita"

Il sindaco Fabrizio Pagnoni e Silvia Buzzoni, nuovo amministratore unico di Gecim

Copparo. Aprire una seconda linea di cremazione e chiudere i lavori alla camera mortuaria entro l’anno. Sono i primi due obiettivi di Silvia Buzzoni, nuovo amministratore unico di Gecim servizi cimiteriali, società partecipata in house di proprietà all’80% di Patrimonio srl del Comune di Copparo e per il 20% dei Comuni di Jolanda di Savoia, Riva del Po e Tresignana.

Ad accoglierla in municipio il sindaco Fabrizio Pagnoni che ha sottolineato la qualità del servizio di Gecim, in un contesto sovraregionale, con un impianto sicuramente all’avanguardia.

“Ricopro l’incarico di amministratore unico di Gecim dal 29 luglio di quest’anno – ha dichiarato l’ingegner Silvia Buzzoni – e dalla sua entrata in funzione nel 2007, Gecim si occupa dello svolgimento dei servizi cimiteriali e funerari nei comuni soci e cioè Jolanda di Savoia, Riva del Po e Tresignana. Nel 2014 con il Giardino della Cremazione ha iniziato a offrire servizi richiesti anche da territori del Veneto e della Lombardia”.

“I numeri di Gecim sono rilevanti e in continua crescita dal 2015 a oggi – rendiconta l’amministratore -. Un impianto di cremazione prevede una manutenzione ogni 9000 interventi e quindi uno stop di 45 giorni di sospensione del servizio. Per ovviare a queste soste forzate abbiamo presentato alla Provincia di Ferrara la richiesta di poter realizzare e attivare una seconda linea allo scopo di poter integrare il servizio e non avere più periodi di stop”.

Sul tema camera mortuaria, si conta che il cantiere finisca entro l’anno. Già in diverse occasioni era data per imminente la chiusura dei lavori, ma ad oggi il cantiere gestito dall’azienda sanitaria Asl di Ferrara sta ancora ultimando i lavori. Come già dichiarato in altre occasioni, a lavori ultimati la gestione della nuova Sala del Commiato sarà affidata a Gecim e a questo proposito Buzzoni ha dichiarato che “c’è un’intesa con gli altri Comuni per una migliore organizzazione al servizio dei cittadini”.

Ultimo punto trattato dal nuovo amministratore unico è quello dell’organizzazione. “Il sistema Gecim – ha concluso Silvia Buzzoni – cioè di chi opera e lavora in azienda è un anello fondamentale. L’organigramma di Gecim comprende 20 persone, una struttura che lavora con grande responsabilità e competenza, e che ha permesso in questi anni il raggiungimento di questi importanti risultati. Come amministratore unico voglio essere parte attiva di questo gruppo, mettendomi a disposizione del personale, dei Comuni soci e di tutti i cittadini”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi