Mar 8 Ott 2019 - 321 visite
Stampa

Nasce la prima mappa interattiva del Delta del Po

Realizzato dal Mibact insieme a Tourer.it nell'ambito del progetto Ducato Estense, 'Terre del Delta' prevede due itinerari ideali nei territori di Ostellato, Codigoro, Mesola e Goro

Oasi di Valle Canneviè (Codigoro)

Codigoro. Si chiama ‘Terre del Delta’ la prima mappa interattiva e guida digitale alla scoperta del Delta del Po, un’itinerario turistico e culturale realizzato dal Segretariato Regionale del Mibact per l’Emilia-Romagna insieme a Tourer.it nell’ambito del progetto Ducato Estense.

Un tour ideale suddiviso in due tappe percorribili su strade ciclabili come la Ferrara-Pomposa, l’anello dell’Est e la destra Po tra riserve naturali, torri, chiese, castelli, edifici idraulici che narrano la storia di un delicato equilibrio fra uomo e ambiente, tra terra e acqua, che l’Unesco ha riconosciuto nel 1999 come “eccezionale paesaggio culturale pianificato che conserva in modo notevole la sua forma originale”. Tutti i tratti caratteristici di questo territorio – con particolare riferimento agli edifici storici di pregio – sono raccontati nel video di presentazione del percorso.

Torre Abate (Mesola)

La prima tappa prende avvio dalla località di Rovereto, raggiungibile in treno (stazione di Rovereto-San Vito-Medelana) o tramite la ciclabile dell’Anello delle Delizie Estensi, che parte direttamente da Ferrara e di cui questo itinerario rappresenta una ideale continuazione. Esso permette infatti di proseguire nell’esplorazione di testimonianze dell’assetto medievale e rinascimentale del territorio, fino a culminare nella visita all’Abbazia benedettina di Pomposa, che fu protagonista della bonifica di quest’area del Delta dopo la crisi economica, sociale e ambientale che accompagnò il crollo dell’impero romano. L’intero tracciato ricalca un tratto della ciclabile 422 Ferrara-Pomposa.

La seconda tappa disegna un percorso ‘ad otto’ che parte e si conclude dall’Abbazia di Pomposa.
Oltre ai siti fortificati del Castello di Mesola, Torre Abate e Torre Palù, la tappa è eccezionalmente ricca dal punto di vista ambientale, attraversando le Riserve naturali di Valle Canneviè e del Bosco della Mesola o pedalando sull’argine del Po di Goro lungo la ciclabile Destra Po. Il tema del controllo delle acque, in un reticolo di antichi corsi d’acqua naturali e canali artificiali, diventa esperienza di un delicato e sapiente equilibrio fra paesaggio dell’uomo e paesaggio del bosco e delle lagune.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi