Mar 8 Ott 2019 - 126 visite
Stampa

“Lavoro sociale e migrazioni”, inizia il ciclo Uno sguardo al cielo

Mercoledì alla libreria Ibs la presentazione del libro di Dina Galli e Francesca Mantovani

Mercoledì 9 ottobre alle 17 presso la storica sala dell’Oratorio San Crispino, alla libreria Ibs+Libraccio, si terrà la presentazione di “Lavoro sociale e migrazioni. Il ruolo delle reti dei servizi” (editore Junior 2019), il libro di Dina Galli e Francesca Mantovani sull’attuale e delicato tema dell’immigrazione. Nel corso dell’incontro dialogherà con le autrici il giornalista Stefano Ravaioli. L’appuntamento sarà il primo della serie “Uno sguardo al cielo – percorsi di avvicinamento all’elaborazione del lutto” organizzato dall’Università degli Studi di Ferrara, che avranno luogo tra ottobre e novembre.

Il libro. Gli ultimi decenni hanno registrato l’arrivo nelle nostre comunità dei migranti, fenomeno connesso al collasso geopolitico generato soprattutto dalle profonde ingiustizie sociali ed economiche. Tale presenza ha prodotto nella società due reazioni contrapposte: una di rifiuto, usato ed enfatizzato da alcuni partiti politici, e una d’accoglienza. Una società si misura sulla base dello sviluppo economico-sociale conseguito e dalle innovazioni prodotte, ma soprattutto dal suo livello d’umanità, dalla sua capacità di convertire l’hostis in un hospes, il nemico in un ospite. Il lavoro sociale, che si pone l’obiettivo d’attivare la società per risolvere specifici problemi della comunità, ha il compito di favorire questo passaggio, nella consapevolezza che l’integrazione delle diversità favorisce la coesione sociale e ne promuove le dimensioni valoriali. Il fenomeno migratorio è certamente articolato, ha richiesto e richiede un arricchimento sia dell’apparato teorico sia della metodologia del servizio sociale che consenta d’attrezzare adeguatamente la formazione universitaria dei futuri assistenti sociali (e non solo). Nel volume si è ampliato lo sguardo per capire come un servizio, composto da operatori dell’area sociale, educativa e sanitaria, possa attrezzarsi per rispondere a un’utenza straniera diversificata.

Le autrici. Dina Galli è assistente sociale libera professionista, è stata docente dell’insegnamento di Metodi e tecniche del servizio sociale II presso il Corso di laurea triennale in Servizio sociale dell’Università di Bologna. È docente al Master di primo livello “Tutela, diritti e protezione dei minori” presso l’Università di Ferrara; Francesca Mantovani è Ricercatrice in Sociologia generale, docente di Principi e fondamenti del servizio sociale e referente per il tirocinio curriculare sia nel Corso di laurea triennale in Servizio sociale sia nel Corso di laurea magistrale in Sociologia e Servizio sociale presso l’Università di Bologna.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi