Sab 21 Set 2019 - 4317 visite
Stampa

Azzerati contro i renziani a Ferrara: “Nessun nuovo inizio senza rimborsi”

Sit-in dei risparmiatori durante l'incontro di Italia Viva con Boschi, Marattin e Rosato: "Non dimentichiamo l'enorme e dolorosa ferita inferta alla città"

Renzi e Marattin (foto Alessandro Castaldi)

Renzi e Marattin a Ferrara lo scorso marzo (foto di Alessandro Castaldi)

Un nuovo inizio, anche a Ferrara. Provare un’altra strada per ripartire”. È stato più che profetico il titolo-slogan dell’incontro di lunedì 23 settembre alle 18 a palazzo della Racchetta, organizzato dai Comitati di Azione Civile per Ferrara prima della scissione renziana, e che vedrà come relatori i deputati di Italia Viva Maria Elena Boschi e Luigi Marattin e il vicepresidente della Camera Ettore Rosato.

Aggiornate le locandine (i parlamentari figuravano tra le fila del Pd prima di confluire nel nuovo partito di Renzi), l’appuntamento verrà anticipato alle 17.30 dal sit-in degli azzerati Carife che si riuniranno nella vicina piazzetta di corso Porta Reno per manifestare il fatto che “Ferrara non dimentica e ‘un nuovo inizio’ non può che partire da una soluzione di questo dramma”.

Il dramma in questione riguarda ovviamente il bail-in. “Il terremoto del 22 novembre 2015 avvenuto con l’azzeramento dei risparmi di 32mila famiglie, azzerate dal decreto del governo Renzi, ha lasciato un enorme e dolorosa ferita nella vita della nostra città – dichiara il direttivo dei risparmiatori azzerati di Carife -. A tutt’oggi, dopo i quattro governi che si sono succeduti, nemmeno un euro è ritornato nelle tasche degli ex azionisti Carife e il 30% di indennizzo è ancora lontano e il percorso per ottenerlo è pieno di insidie”.

Gli azzerati approfittano della visita dei renziani in città per tornare a dare battaglia: “Nessun nuovo inizio o ritorno al futuro è possibile a Ferrara se non vengono restituiti i risparmi spariti nel nulla sotto le macerie del decreto Renzi”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi