Ven 20 Set 2019 - 3550 visite
Stampa

Consiglieri leghisti si fanno ‘re magi’ e affiggono personalmente i crocefissi nelle aule

L’ex assessore Corazzari: “I genitori sono stati avvisati? Mi chiedo cos’abbia in comune con la cristianità Solaroli”

Tre consiglieri della Lega stanno girando per le scuole per affiggere personalmente i crocefissi ordinati dal Comune di Ferrara. In una circolare diretta ai dirigenti scolastici, il direttore dell’Istituzione scuola Mauro Vecchi, ha comunicato che nei prossimi giorni verranno nelle sedi scolastiche i consiglieri comunali Massimiliano Guerzoni, Stefano Solaroli e Benito Zocca “in qualità di volontari per la consegna e l’affissione del crocefisso nelle aule”.

Il dirigente chiede agli insegnati di “accoglierli e consentire loro l’affissione”. Rimane ferma, a questo proposito, quanto concordato nel collegio docenti del 13 settembre, vale a dire, ricorda Vecchi, “la piena libertà di mantenerlo o meno affisso nella classe, sulla base della sensibilità di ciascun docente e di un vostro accordo interno ai plessi”.

Una processione singolare, quella dei tre ‘re magi’ in camicia verde, che solleva perplessità nell’ex assessore all’istruzione, ora consigliere comunale di opposizione, Cristina Corazzari: “è evidente che si tratta di un gesto di propaganda che di religioso non ha nulla”.

A far storcere il naso a Corazzari sono diversi fattori: la delegazione sui generis (normalmente sono gli impiegati comunali ad occuparsi degli arredi), il fatto che siano tutti e tre della Lega e il mancato avviso alle famiglie.

“Vengono meno in un colpo solo – incalza l’esponente del Pd – le regole di sicurezza, il rispetto della genitorialità e del ruolo dell’istruzione”.

Vengono poi questioni di trasparenza: “se è un gesto di vicinanza del Comune verso le scuole, chi ha scelto i componenti della rappresentanza comunale? perché non è andato solo il presidente del consiglio? perché non è stato detto al resto dei consiglieri di questa opportunità? Ma, soprattutto, i genitori degli alunni sono stati preventivamente informati? A che titolo, mi chiedo, un rappresentante di un partito va nelle scuole ad attaccare crocefissi?”.

Corazzari chiude con un’ultima questione: “ricordo che nel propagandare l’acquisto dei 300 crocefissi, il sindaco Alan Fabbri aveva detto che quel simbolo era un richiamo alla pace e all’amore. Mi chiedo cosa abbia a che fare con al cristianità Solaroli, che nei suoi video diffonde sentimenti opposti, a partire dal trincia-rom da montare sul Suv”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa