Gio 19 Set 2019 - 129 visite
Stampa

Alla scoperta del cibo del futuro

Tre giorni tra scienza, cultura, cucina, arte e futuro a Villa Bighi

Copparo. Show di cucina sperimentale, pratiche per il benessere corporale, una mostra fotografica, una maratona di musica – ovviamente sperimentale -, youtuber che parlano con scienziati sulle sfide alimentari del futuro. Tutto questo è “Terra 2019. Il cibo del futuro”, la tre giorni, dal 20 al 22 settembre, organizzata e promossa dal centro studi Dante Bighi e da Gruppo Zero, con il patrocinio del Comune di Copparo.

È già il concept grafico dell’evento in programma a Villa Bighi a rendere chiaro di cosa si parlerà: un broccolo 50% naturale e 50% riprodotto attraverso la geometria frattale, sintesi del quesito legato al cibo del futuro: cibo naturale o cibo ri-prodotto in laboratorio? Cibo duplicabile attraverso formule algebriche e matematiche, cibo replicabile in base a informazioni e dati, carne in vitro? Così come avviene già in natura dove la geometria frattale attraverso formule riproduce in maniera omotetica le effluorescenze dei broccoli. Ecco perché questa figura specchiata riflette natura e artificio divenendo emblema di Terra 2019: una edizione culturale che, a 10 anni di distanza da Terra 2009, ripropone e intende sviluppare ulteriormente riflessioni in merito al rapporto uomo terra, terra madre, pianeta, terra come luogo natio, terra come globo al quale tutti gli individui dovrebbero tendere, oltre i confini nazionali, per la sua salvaguardia e lascito di futuro.

Venerdì alle 18 via all’inaugurazione, con l’apertura della mostra fotografica “Cibo e futuro”, a cura di Daniele Zappi e con fotografie di Benedetta Stefani, Camilla Caselli, Lara Viani, Marija Obradovic. A seguire presentazione del progetto culturale del centro studi Dante Bighi 2019/2020
e alle 19 il cooking show di Giacomo Marletta: cibi a km zero e recupero alimentare, in collabrorazione con Slow Food e con il supporto della nutrizionista Elisabetta Ciannella di Officina Dinamica. E poi “Aperitivo del futuro”, con Puz & Mes djset.

Sabato si inizia dal mattino, alle 11, con “esercizio fisico e alimentazione nelle malattie respiratorie”, esercizi di gruppo diretti da Manu Berghi con il medico Riccardo Cazzuffi. Alle 17 l’ecoforum “Cibo del futuro/il futuro del cibo”, con dialoghi tra youtobers e divulgatori scientifici. Interverranno: ZooSparkle (youtuber e studente universitario di scienze naturali), Ruggero Rollini (youtuber e studente di chimica) e  Francesco Martina di Slow Food Ferrara.
Dalle 19,30 alle 23,40 sarà la volta di Nual-Nebbiacustica, sperimentazione sonora con Toni Bruna solo / Everest Magma solo / Laura Agnusdei Sax / djset Magic Nenio from Berlin.

Domenica 22 settembre la mostra fotografica rimarrà aperta dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19: quattro fotografe donne, Benedetta Stefani, Camilla Caselli, Lara Viani, Marija Obradovic, con la loro vivace lucidità aprono riflessioni su cibo e futuro, a partire dal tempo presente come dato proiettivo per sollecitare riflessioni sul futuro della nutrizione. Quattro punti di vista diversi, per riflettere sull’importanza del cibo nelle scelte quotidiane legate alla nutrizione e all’impatto ambientale.  Quattro grandi temi su cui riflettere: cibo e ambiente (come la filiera dell’alimentazione influisce sul sistema Terra), cibo e packaging (ovvero come trasportarlo, l’abito del cibo), cibo e salute (ovvero una delle fonti per il benessere corporeo), cibo e denaro (ovvero la capacità di accesso al cibo, classi alimentari).

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi