Gio 19 Set 2019 - 176 visite
Stampa

L’Uaar Ferrara in piazza per la legge sull’eutanasia

Numerose persone hanno aderito in città alla mobilitazione nazionale per l'autodeterminazione nel fine vita

Domenica 15 settembre l’Uaar Ferrara è stata in piazza per denunciare “l’indifferenza del legislatore e l’assenza di azioni di governo sui temi del fine vita”. Centinaia le persone – secondo le stime degli organizzatori – che hanno aderito all’iniziativa.

“Ciò che manca – dice Gregorio Oxilia, referente Uaar Ferrara – è un decreto attuativo del Ministro della Salute che applichi la legge sul testamento biologico (Dat) approvata nel dicembre del 2017. Nonostante nell’ottobre del 2018 la Corte Costituzionale abbia rinviato di un anno il proprio giudizio sulla legittimità dell’aiuto al suicidio di Marco Cappato a Dj Fabo – continua Oxilia – il parlamento ha scelto l’immobilismo, rimandando alla Corte Costituzionale la decisione”.

“La discussione della legge di iniziativa popolare per l’eutanasia – prosegue – non è praticamente mai iniziata. Ora con il nuovo governo cosa accadrà? È necessario che la politica guardi in faccia la realtà e, soprattutto, ascolti il volere popolare altrimenti, se dovesse ignorarlo, farebbe un affronto a 130mila firmatari che si sono rivolti all’Uaar e alle altre associazioni del Comitato EutanasiaLegale. Infatti, ben 9 cittadini italiani su 10 (93%, fonte: Swg) sono favorevoli all’introduzione di una legge sull’eutanasia. Tuttavia, questo dato viene totalmente ignorato dalla politica. Come Uaar chiediamo che la legge sul Testamento Biologico possa essere finalmente applicata, inoltre chiediamo la legalizzazione dell’eutanasia e del suicidio assistito pretendendo che il Parlamento tenga conto della volontà dei cittadini italiani”.

L’Uaar Ferrara invita tutti i cittadini credenti e non credenti a sostenere la causa e condividerla “per essere davvero “Liberi di scegliere” a prescindere dalla propria tendenza religiosa”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi