Dom 8 Set 2019 - 10622 visite
Stampa

Conte bis, Giorgia Meloni a Ferrara: “E la chiamano democrazia”

Ovazioni in piazza per la leader di Fratelli d’Italia: “Li manderemo a casa”. Il senatore Balboni: “Ferrara dimostra che un riscatto è possibile”

di Cecilia Gallotta 

“E ce la chiamano pure democrazia”. Lo sdegno e l’energia di Giorgia Meloni arrivano fino in fondo a Martiri della Libertà, raggiungendo anche l’ultima fila di una folla che sabato sera ha eguagliato, se non superato, quella che tre mesi fa era davanti a Salvini.

Le ovazioni per la leader di Fratelli d’Italia hanno lasciato il posto ai fischi all’udire il nome di Renzi (“resuscitato improvvisamente in queste ultime settimane” ironizza la Meloni) e di Franceschini, “sconfitto alle urne dalla sua città, e oggi improvvisamente ministro”, si aggancia il senatore Alberto Balboni, affiancato sul palco dal figlio e assessore Alessandro, dall’assessore Andrea Maggi, dagli onorevoli Tommaso Foti e Ylenia Lucaselli, nonché dal parlamentare Galeazzo Bignami.

“Se tu sai che gli italiani al governo vorrebbero qualcun altro, e tu ci stai lo stesso, e pur di starci ti metti assieme a quelli contro cui avevi giurato di batterti, questo si chiama furto – attacca Meloni – e non ha niente di diverso da chi entra nelle case col passamontagna a rubare l’argenteria perché non vuole guadagnare soldi in modo onesto”.

E la frecciata va dritta al 5 Stelle, “che prometteva di ‘aprire il parlamento come una scatoletta di tonno’ – cita, accompagnata dal pubblico – e invece è diventato il tonno dentro la scatoletta che non vuole più uscire dal palazzo. E dicevano che ‘Renzi ci fa schifo, che la Boschi ci fa schifo’, ma poi alla fine gli fa più schifo il pensiero di dover andare a lavorare”.

“E a chi osa far notare che c’è qualcosa che non va – prosegue – dicono che è un’analfabeta costituzionale, perché ci fanno credere che la Costituzione lo permetta. Eppure, all’articolo 1, che non a caso è appunto il primo, la Costituzione dice che la sovranità appartiene al popolo. Un popolo che è stato privato della sua libertà di voto. E l’articolo 54, dice che se tu rappresenti lo Stato, lo devi fare con onore. E non c’è nessun onore nel tradimento”.

L’appello della leader FdI dopo il giuramento del governo Conte bis, e a due giorni dal voto di fiducia, è quello di “non pensare che sia inutile scendere in piazza in momenti come questo: se consentite che tutto questo accada sotto silenzio, senza che la vostra rabbia si faccia sentire, beh, poi non vi lamentate. Non vi lamentate del governo che aprirà tutti i porti, che aumenterà le tasse, metterà la patrimoniale, e vi porterà in ginocchio verso quell’Europa che in questo momento sta festeggiando. C’è un disegno contro di noi, e dentro questo disegno c’è gente che si è venduta e schierata dall’altra parte”.

“Vi siete accorti che lo spread è improvvisamente dimagrito, in un mese senza governo? – rincara la Meloni –. È perché è stato usato come una clava contro i governi che non si asservivano, da quelli asserviti. E io lunedì a Roma sogno una folla oceanica, in piazza, di italiani che vengano a dire ’no’, e che un giorno li manderemo a casa, perché sogniamo una nazione come le altre, visto che non ci manca niente”.

Del resto, “la stessa Ferrara, rossa da settant’anni, ha dimostrato che un riscatto è possibile – afferma il senatore Balboni – e siamo qui oggi per dire a chi pensa di aver vinto la partita, che la partita è ancora lunga, e gli italiani si ricorderanno del torto che gli è stato fatto”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi