Ven 6 Set 2019 - 1060 visite
Stampa

Ascom e Carabinieri insieme: consigli utili per evitare i furti in casa

L'Arma e l'associazione dei commercianti realizzano un vademecum utile per i periodi di vacanza e festività

Al centro: il comandante Desideri. Alla sua destra Felloni (Ascom) e a sinistra il capitano Angeli

Consigli utili per evitare i furti in casa quando si è assenti durante le festività o le ferie. Carabinieri e Ascom hanno unito le forze per dare qualche utile informazione ai cittadini della provincia di Ferrara, realizzando un vademecum di dieci punti.

L’associazione ha stampato 1.500 volantini che verranno capillarmente distribuiti negli esercizi commerciali e nelle caserme.

Il tutto è nato dopo la serie di razzie di poco tempo fa a Portomaggiore, che ha spinto il presidente di Ascom Giulio Felloni a cercare la collaborazione del comandante provinciale dei Carabinieri Andrea Desideri, che nei prossimi giorni andrà in un’altra sede. “Questa è la seconda iniziativa dopo quella sulla violenza sulle donne”, afferma Desideri, “Felloni ha voluto sviluppare con noi un progetto al quale l’Arma tiene maggiormente, la cultura della legalità”.

Si tratta dunque di un decalogo pensato per chi è in procinto di partire per una vacanza e anche se settembre è forse il mese del rientro (ma ci sono anche consigli per chi trova brutte sorprese) è vero che si tratta di consigli sempre utili, da tenere a mente anche per Natale e Pasqua. “Si tratta di consigli pratici e utili, da applicare all’interno nelle nostre case e attività”, spiega Felloni. Tra questi, quello messo più in risalto è piuttosto semplice, in effetti: “Chiamare il 112 è la prima soluzione”, afferma il presidente di Ascom. “È quella più efficace e tempestiva”, aggiunge Desideri.

Tra i suggerimenti spiccano quelli pensati per evitare di agevolare i ladri, come far sapere a tutti che si è in vacanza fuori casa, magari tramite i social network, o lasciando un messaggio nella segretaria telefonica che dica esplicitamente che in casa non c’è nessuno. Il vademecum consiglia anche di installare dispositivi antifurto. In caso di furto già subito, il consiglio è quello di non entrare in casa se si nota la serratura compromessa o comunque la porta già aperta: “Spostarsi in una zona sicura e chiamare immediatamente il 112” è quasi un imperativo. Così come è imperativo non toccare nulla se l’appartamento è stato malauguratamente svaligiato, in modo da non compromettere le indagini.

Secondo i dati forniti dal comandante Desideri i furti trattati dai carabinieri sono in calo negli ultimi anni. Fino al 31 agosto del 2019 sono stati 550 di cui 31 scoperti, lo scorso anno 590 e nel 2017 furono 600. “Il trend è negativo – spiega desideri – anche se il fenomeno c’è,  non lo si può negare, ed è particolarmente complesso da contrastare”. In parte aiuta la decisione assunta a livello nazionale di chiudere un poco in anticipo le caserme per avere più carabinieri all’esterno “che possono essere un dispositivo preventivo, oltre che repressivo”. “Ad oggi – vanta Desideri – la Compagnia dei Carabinieri di Ferrara ha superato in termini di denunce e arresti i numeri registrati nell’intero anno precedente: aumentando la presenza esterna, aumentano la prevenzione e la repressione”. “Questa – chiosa Felloni – è una sensazione percepita da tutta la popolazione”·

Ancora un po’ di numeri. Il confronto tra gli arresti, sempre su dati dell’Arma, dice 105 nel 2018, mentre nell’identico periodo dell’attuale anno 2019, gli arresti sono stati 152 (con un aumento percentuale del 45%). Ugualmente, nel confronto tra i due periodi, il numero delle persone denunciate in stato di libertà alla Procura ferrarese è aumentato del 4,75% passando dai 421 del 2018 ai 441 del 2019. Nel 2019, inoltre, è con forza il fenomeno degli “ovulatori”, i pusher che ingoiano gli ovuli di droga per non farsi scoprire: sono stati infatti ben 19 i cittadini nigeriani tratti in arresto e sono stati sequestrati loro 130 ovuli. Anche il numero dei servizi esterni per il controllo del territorio, sempre soffermandoci sul solo capoluogo e nel confronto fra i prime otto mesi del 2018 ed i primi otto mesi del 2019, è aumentato da 3275 pattuglie a 3980 pattuglie con un incremento del 22%.

 

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi