Gio 5 Set 2019 - 2436 visite
Stampa

A Cona non si rispetta l’orario di lavoro, Anaao Assomed: “Interesseremo la Procura”

Nuovo grido d'allarme sulle criticità della sanità ferrarese dopo aver atteso invano una risposta dal S. Anna: "E' l'unica Azienda Ospedaliero-Universitaria della Regione ad essere stata sanzionata più volte dall'Ispettorato del Lavoro"

Un nuovo grido d’allarme relativo ai disagi del personale dell’ospedale di Cona accompagnato questa volta dall’intenzione di interessare la Procura della Repubblica. A lanciarlo – a sindaco, presidente del Consiglio Comunale, ai Gruppi Consiliari del Comune e al presidente e vice presidente della Conferenza Socio Sanitaria Territoriale – è ancora una volta l’Anaao Assomed (Associazione Nazionale Aiuti Assistenti Ospedalieri – Medici Dirigenti) dopo aver atteso invano una risposta alla lettera inviata alla direzione generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara su una serie di criticità che si protraggono nel tempo, prima fra tutte “il mancato rispetto dell’orario di lavoro”.

“La sistematica violazione della norma – scrivono il presidente nazionale Anaao Assomed Pierluigi Api e il segretario aziendale del sindacato Lucio Trevisani – ha comportato e comporta l’accumulo di centinaia di ore di straordinario mai recuperate né pagate, turni di servizio massacranti, mancati riposi, decine di giorni di ferie non godute”.

Una situazione che si protrae da tempo e che ha portato Anaao Assomed a presentare denuncia all’Ispettorato del Lavoro per il mancato rispetto ella legge 161/2014. “L’Ispettorato – riferiscono Api e Trevisani – dopo gli opportuni accertamenti ha constatato le varie infrazioni ed ha inflitto le sanzioni previste dalla normativa. A tal proposito, va evidenziato che siamo l’unica Azienda Ospedaliero-Universitaria della Regione Emilia Romagna ad essere stata sanzionata, più volte, dall’Ispettorato del Lavoro”. “Nonostante quanto sopra – aggiungono – la situazione non si è modificata, perciò è nostra intenzione interessare la Procura della Repubblica, seguendo le indicazioni dei nostri avvocati”.

Il mancato rispetto dell’orario di lavoro, “che si è aggravata con il passare del tempo, è alla base del peggioramento delle condizioni di lavoro ed è la causa principale, a nostro avviso, delle richieste di dimissioni volontarie e di prepensionamenti (quota 100) di molti dipendenti del S. Anna”.

Quella dell’orario di lavoro non è l’unica criticità segnalata dal Anaao Assomed nella lettera inviata al direttore generale Carradori. Fra queste figurano la carenza di personale dell’Area Ps Medicina d’Urgenza, il problema delle guardie notturne e dei posti letto aggiuntivi nell’Area Medica ed altro ancora.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi