Mer 14 Ago 2019 - 3037 visite
Stampa

Spal, colletto alla coreana e rifiniture oro: ecco le nuove divise

Macron rimane fornitore tecnico ufficiale. Sale l'attesa per la terza maglia. Il 'pres' Mattioli: "Affronteremo il campionato con grinta e rabbia"

(foto di Alessando Castaldi)

di Davide Soattin

Storia e innovazione si incrociano e giocano come non mai tra di loro nei nuovi kit da gara della Spal per la prossima stagione che, presentati nella nobile cornice di Palazzo Crema, verranno ufficialmente messi a battesimo già da questa domenica davanti al pubblico biancazzurro, in occasione del match contro la FeralpiSalò dell’ex capitano spallino Giani, valevole per il terzo turno di Coppa Italia.

La prima maglia, indossata da Sergio Floccari, rispecchia in pieno il mix tra tradizione e originalità con le storiche righine biancazzurre, un moderno colletto alla coreana diverso ai precedenti e la rifinitura dei particolari in oro.

Lo stesso color oro che è stato – ad eccezione del nero per i pantaloncini – scelto per la casacca da trasferta portata da Francesco Vicari, mentre il nuovo arrivato Etrit Berisha ha sfilato con il completo da portiere casalingo interamente rosso.

Sul fronte partnership commerciali, Macron rimarrà ancora il fornitore tecnico – e lo sarà anche per il prossimo anno – insieme all’ormai familiare sponsor di manica Pentaferte, a quello posteriore Errebi Technology e a quello anteriore Omega Group.

Anche se grande attesa rimane per la terza maglia, quella del presidente Walter Mattioli, che a questo proposito ha voluto fornire tutte le informazioni necessarie circa le modalità in cui verrà presentata alla tifoseria: “La vorremmo svelare intorno al 10 o al 15 settembre in un altro luogo. Si tratterà di un evento particolare perché stiamo parlando di una divisa davvero speciale, che coinvolge la nostra città. Di certo ancora non siamo riusciti a trovare il main sponsor e in trent’anni di presidenza non mi è mai successo, ma la vicenda stadio ha portato anche a questo tipo di problema”.

Nonostante ciò, il primo tifoso biancazzurro non è parso scoraggiato: “Faremo comunque una corsa contro il tempo per vedere di recuperare il più possibile, come già stiamo facendo con gli abbonamenti, cercando di raggiungere un traguardo importante come quello che siamo stati in grado di totalizzare gli scorsi anni. Vogliamo fare un campionato importante e migliorare, anche se non sarà facile. Qui non molla nessuno e abbiamo l’intenzione di fare una grandissima stagione. La Spal in Serie A è una sfida che dobbiamo affrontare ogni anno, con la grinta e la rabbia che ci ha contraddistinto nel passato”.

Grandissima soddisfazione anche per l’assessore allo Sport Andrea Maggi, soprattutto per l’ok dato al Paolo Mazza – location designata per la presentazione della squadra, il 21 agosto – da parte della Commissione provinciale di vigilanza: “Ci troviamo qui, al termine di una giornata iniziata in Prefettura e terminata con la firma sull’autorizzazione e sulla licenza d’uso del nostro impianto. Questo capitolo ora è chiuso e lo stadio è sicuro. Lo diciamo con il sorriso, anche se gli strascichi della vicenda sono dolorosi. Da adesso si può finalmente tornare a parlare di calcio giocato. Domenica si va a tifare i biancazzurri, viva la Spal”.

Le nuove divise da gioco saranno disponibili già domenica allo Spal Point dello stadio al prezzo di 79 euro, mentre negli altri punti vendita biancazzurri si potranno trovare a partire dalla prossima settimana.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi