Sab 10 Ago 2019 - 4465 visite
Stampa

Nomadi da don Bedin. Una giornata particolare di integrazione

Il sacerdote che ha accolto gli sfollati da via delle Bonifiche racconta i primi giorni dei nuovi ospiti

di don Domenico Bedin 

-“Anche gli zingari ci porti? Non bastavano gli extra della comunità qui a fianco?”.

E’ la prima rasoiata che mi prendo appena arrivo al circolo che fa parte di Ca’ Frassinetta. Degli omoni, a petto nudo e braghe corte per il caldo, seduti sotto il portico con lo spriz sul tavolino e la faccia già annoiata alle 10 del mattino. Non raccolgo la sfida e spiego che comunque saranno due famiglie Sinte, Italiane, con bambini piccoli e che staranno dall’altra parte del cortile, dietro la casa dei profughi e avranno un luogo recintato…

– “Par mi i pudeva star in du’ chi iera… cusa a ghe gnù in ment a Naomo. E ti subit a purtari chi…”.

Intanto arrivano i due capofamiglia Sinti a vedere il luogo dove verranno messe le loro case mobili. Si guardano intorno, sono timorosi, osservano le bici dei Richiedenti lasciate a casaccio nei vari punti del cortile; qualche ragazzo di colore scuro esce dalla casa e salutando appena inforca la bici e parte per via Vallelunga.

Noto un che i due si guardano in faccia e il più vecchio mi sussurra imbarazzato: – “ma qua ci sono dei negri! Ma siamo sicuri con sta’ gente… abbiamo donne e figli piccoli!”. Ancora una volta incasso e do ampie garanzie e aggiungo: – “Poi lo sapete metteremo una rete, con un cancello… non preoccupatevi”.

Cominciamo a lavorare per predisporre gli allacciamenti e c’è caldo. Vado in cucina per un po’ d’acqua fresca. Un ragazzo maliano, con gli occhi che sorridono, mi dice che anche al suo paese ci sono i nomadi e bisogna stare attenti perché rubano le galline…

Gli rispondo che per ora qui abbiamo solo conigli. Poi gli chiedo di venire con me a dare una mano a spostare del materiale che ingombra e lui esce con altri due ragazzi e si mette a lavorare.

I due sinti lavorano con loro e dopo poco, quando si fermano per rinfrescarsi, si parlano e sorridono. Sento che si scambiano i nomi e chiedono informazioni delle loro reciproche famiglie e della loro provenienza. Un nigeriano non riesce a capacitarsi che i sinti siano italiani e che vivano in una carovana… Poi ricominciano a lavorare insieme.

Facciamo mezzogiorno e porto i due sinti al Circolo per un bicchiere e per vedere l’effetto che fa. Da un angolo della sala una voce roca: -“ Roberto tu porti tuo figlio a scuola a Ponte… E’ in classe con mio nipote. Ma veramente venite a vivere qui?”.

E’ bastato questo per sedersi insieme e cominciare a raccontare e a scambiarsi delle impressioni e dei suggerimenti. Ormai è tardi e devo andare. Chissà se alla fine dovremo proprio mettere una rete di recinzione.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi