Ven 2 Ago 2019 - 3516 visite
Stampa

Bibbiano. Calvano minacciato online: “Ho paura come uomo e come padre”

Il segretario dem di nuovo colpito dall'odio online. Un utente su Facebook: “Ammazzati finché sei in tempo”

“Ho paura. Lo dico da uomo e da padre di famiglia. Di fronte a questi messaggi inviati attraverso la rete mi sento privo di ogni tutela ed esposto a manifestazioni di violenze di qualsiasi genere. Lancio un grido d’allarme. Chi si deve occupare della nostra sicurezza faccia qualcosa. Chiedo al Governo del mio Paese di non far finta di niente di fronte a questo odio montante e pericoloso per l’incolumità di ciascuno di noi e non si dica poi che tutto ciò non era evitabile o peggio era imponderabile”. Ad affermarlo è, con un post su Facebook, Paolo Clavano, consigliere e segretario regionale del Pd, entrato a far parte della commissione d’inchiesta su Bibbiano.

Proprio i fatti di Bibbiano sono l’innesco per le minacce che un’utente Facebook ha rivolto al segretario dem, che ne ha pubblicato gli screenshot su Facebook. Calvano, lo ricordiamo, è già finito al centro di un attacco online con la diffusione di false e false notizie sul fatto che fosse lui il sindaco indagato.

“Ma come ti permetti di postare la tua faccia da imbecille e scrivere puttante che non stanno né in cielo né in terra – si legge in uno dei messaggi-. Impiccati merda, segui il mio consiglio”. E ancora: “Vorresti far luce sugli scandali di Bibbiano quando li ha fatti il tuo partito? Fatti disintossicare in una comunità”, “mi sa che il crack o l’eroina ti hanno mandato in pappa il cervello”; “ammazzati finché sei in tempo”, “non parli più, hai pestato i piedi alla persona sbagliata”.

A Calvano arriva la solidarietà di Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa regionale. “Violenza e minacce non possono far parte di una comunità civile come deve essere la nostra. Esprimo vicinanza a Paolo Calvano”.

Anche il sindaco di Bologna interviene affermando che “insulti, aggressioni verbali e minacce via social non ci fermeranno. Invito tutti gli iscritti a fare denuncia e a querelare. Lo so, ci vorrebbe un esempio da qualche Governo. Insieme, dal basso e nel rispetto della legge, cominciamo a farlo noi”.

“Sono rimasto molto colpito nel leggere minacce ed insulti gratuiti sui profili sociali del collega e segretario Calvano –  commenta il capogruppo dei dem in Regione, Stefano Caliandro -. Spero che, nel più breve tempo possibile, arrivino adeguate risposte per rassicurare chi è stato oggetto di questa aggressione. Rimane lo sconforto e lo sconcerto per un clima estremamente preoccupante con connotazioni tipiche dei momenti più bui del nostro recente passato”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi