Gio 25 Lug 2019 - 822 visite
Stampa

Abusivismo commerciale sulla costa, per la Lega “è razzismo al contrario”

Alessandro Fregnani e Gino Soncini tirano le somme nel pieno della stagione turistica: "I Lidi zona franca dell'illegalità, il sindaco ne è responsabile"

di Giuseppe Malatesta

Comacchio. Abusivismo, illegalità, commercio, economia dei Lidi. Mentre la stagione turistica entra nel pieno, i rappresentanti leghisti della costa tirano le prime somme di quella che, dati alla mano, considerano a pieno titolo “una piaga sociale e finanziaria che gli amministratori locali sembrano non voler debellare”.

Lo sostiene Alessandro Fregnani (Lega Giovani Comacchio), che addossa la responsabilità del problema direttamente al sindaco Marco Fabbri, delegato alla polizia municipale. “Incredibile che durante la stagione estiva, le nostre coste, da Volano a Spina, diventino ‘zona franca’ e terreno fertile per l’illegalità a spese dei cittadini contribuenti. Oltre a vessare continuamente i villeggianti, gli ambulanti danno vita ad un considerevole danno economico che si ripercuote sui commercianti onesti, coloro che davvero costituiscono le fondamenta dell’economia del nostro territorio.

“Se non li tuteliamo – aggiunge Fregnani – non possiamo aspettarci altro che un calo del turismo per la nostra località, come già accaduto l’anno passato, con un -0,9% di turisti e -4,9% di pernottamenti rispetto al 2017. Questo è razzismo al contrario, nei confronti dei comacchiesi con le mani pulite”.

“Stiamo parlando di illegalità tollerata sotto la luce del sole, come se fosse normale. Ma il primo cittadino dovrebbe sapere che non lo è: la legge deve essere rispettata ovunque e da chiunque e se la giunta continuerà a seguire questo modello di illegalità finiremo per disperdere il senso della giustizia. La Lega farà di tutto per impedire che ciò accada”.

Per Gino Soncini, consigliere provinciale di area Lega e consigliere comunale a Goro, la crisi del commercio sui Lidi è causato principalmente dal fenomeno dell’abusivismo. “I commercianti lamentano un calo degli affari dal 30 al 50 percento, e nemmeno i saldi iniziati il 6 luglio sono riusciti a dare un impulso al commercio. Gli abusivi intanto sulle nostre spiagge si organizzano su quattro ruote e non solo, nonostante lo sforzo delle Forze dell’ordine, a cui va il mio ringraziamento.

“Ritengo necessario – conclude Soncini – uno sforzo ancor maggiore di tutti per combattere questa concorrenza sleale”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi