Mar 16 Lug 2019 - 820 visite
Stampa

La Città che Vogliamo e Coalizione Civica avanti insieme

L'intento dei due gruppi è continuare a lavorare su progetti comuni sia dentro che fuori il consiglio comunale coinvolgendo i cittadini

di Simone Pesci 

Il sentiero percorso insieme da La Città che Vogliamo e da Coalizione Civica non si è di certo interrotto dopo il secondo turno delle elezioni, che hanno decretato l’entrata di Roberta Fusari in Comune come consigliere all’opposizione. Anzi, se possibile si allunga ancor di più. Pochi giorni dopo il 9 giugno, i due movimenti si erano già incontrati, manifestando una volontà ribadita a Factory Grisù lunedì sera.

“Lavorare di volta in volta sulle questioni dentro e fuori dal consiglio comunale”, è l’intento comune, come riferisce David Cambioli. La Città che Vogliamo e Coalizione Civica, insomma, continueranno a marciare insieme su due livelli contemporaneamente: sia dentro che fuori dai palazzi della politica cercando di avere una visione larga su qualsiasi problematica, come spiega Luca Lanzoni: “Un gruppo lavorerà su cose tangibili, l’altro a livello istituzionale per creare, si spera, una rete Regionale”.

Dentro e fuori il consiglio comunale, per l’appunto, rafforzando la simbiosi fra i due gruppi, uno funzionale all’altra. Il ruolo de La Città che Vogliamo, infatti, sarebbe quello di un laboratorio aperto in cui praticare la partecipazione e la co-progettazione fra i cittadini, per sviluppare una visione strategia a lungo termine. Il partner Coalizione Civica si prefigge invece di diventare un riferimento politica per le attività pensate dai cittadini.

Nel cronoprogramma del progetto, ancora alle primissime fasi, il 2020 diventa quasi, dice Lanzoni, “un anno di transizione, per vedere se i meccanismi possano funzionare”. Se tutto andrà come auspicano gli esponenti dei due movimenti, il vero grande obiettivo sarà allora arrivare pronti al 2024. L’assemblea di lunedì sera c’è da giurare che non è stata affatto l’ultima. 

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. <a target="_blank" href="https://www.iubenda.com/privacy-policy/34911805">Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy</a>.

Chiudi