Dom 14 Lug 2019 - 5325 visite
Stampa

Salvini torna da vincitore: “Per Ferrara idee chiare. Mi rivedrete qui spesso”

Il vicepremier dopo l'incontro con le istituzioni cittadine: "Presto tornerò per firmare un protocollo per la sicurezza"

(foto di Alessandro Castaldi)

di Simone Pesci

La terza visita di Matteo Salvini a Ferrara inizia poco dopo le 18 da piazza Savonarola. Qui, atteso dal sindaco Alan Fabbri e dal vice Nicola Lodi, dal prefetto Michele Campanaro, dal questore Giancarlo Pallini e dai comandanti delle forze dell’ordine, per Carabinieri Andrea Desideri e per la Guardia di Finanza Cosimo d’Elia, il vicepremier è poi salito nella residenza municipale, dove in Sala Giunta si è tenuto un conciliabolo con le principali istituzioni della città.

Al tavolo anche il presidente della Camera di Commercio Paolo Govoni, il rettore di Unife Giorgio Zauli e il comandante dei Vigili del Fuoco Antonio Marchese. Incontro top secret, ma è facile immaginare gli argomenti trattati: sicurezza, l’apertura dei corsi all’Ateneo estense e il rimpolpo degli organici ai comandi locali delle forze dell’ordine. Dopo il confronto, non aperto alla stampa (ma trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook del sindaco), il saluto agli assessori e ai consiglieri comunali – “peccato non siamo stati invitati noi dell’opposizione”, commenta il vice presidente del Consiglio Comunale Dario Maresca, ugualmente in fila per salutare Salvini – schierati nel Salone d’Onore.

Prima di scendere in piazza Salvini si concede ai taccuini, svelando in parte i temi affrontati qualche minuto prima. Anche se l’esordio è un in bocca al lupo alla squadra di Alan Fabbri: “Questa è storia, ma soprattutto futuro. Ho avuto il piacere di incontrare il rettore di una delle università che sta crescendo di più in Italia, la comunità ferrarese ha dato una lezione di ripartenza dopo tante difficoltà”.

Il vicepremier conferma poi che “per Ferrara ci sono idee chiare”, anticipando che “tornerò quanto prima possibile per firmare un protocollo per la sicurezza, ma intanto sono confermati 51mila euro per l’operazione “Scuole sicure” che per la prima volta coinvolgerà anche Ferrara e da settembre ci saranno cinque scuole ferraresi con controlli antidroga: segnale importante, mi rivedrete spesso qui”.

Notizie anche sul fronte agenti: “C’è il piano di potenziamento di tutte le questure da qui ad aprile 2020, Ferrara compresa, con un incremento di donne e uomini in divisa, sia per la polizia di Stato che per i Vigili del Fuoco. Entro lunedì avrete i numeri”.

In chiusura quasi un consiglio a Bonaccini sul tema delle Regionali, prima di lasciare il comune: “La scorsa volta votammo a novembre. Mi sembrerebbe rispettoso rivotare a novembre alla scadenza dei cinque anni”. Dove per la Lega potrebbe correre Lucia Borgonzoni: “Penso che sia una delle più in gamba che potrebbe fare molto bene. Ma ne parleremo”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi