Mer 10 Lug 2019 - 2559 visite
Stampa

Fabbri ai residenti Gad: “Ecco come rinascerà il quartiere”

"Più controlli ma anche riqualificazione urbanistica e politiche di rilancio economico anti degrado"

Un confronto con l’Associazione Residenti Gad sulle situazioni critiche del quartiere. E’ quello che si è svolto in mattinata tra i rappresentanti del sodalizio cittadino e il sindaco Alan Fabbri, il quale ha illustrato le soluzioni anti-degrado che l’Amministrazione, a breve, intende mettere in campo.

“Conosciamo a fondo le problematiche del Quartiere Giardino -spiega Fabbri – e abbiamo accolto con piacere la richiesta di un incontro da parte dei rappresentanti dell’associazione, da tempo attiva sul territorio. La riqualificazione di quest’area della città o, per meglio dire, la sua rinascita, perchè è questo il nostro vero obiettivo, sono tra i punti principali del nostro programma di mandato e come abbiamo spiegato in campagna elettorale si tratta di una riqualificazione che dovrà comprendere più aspetti”.

Al primo posto c’è “la questione della sicurezza, da rafforzare attraverso maggiori controlli e una presenza costante delle forze dell’ordine – spiega ancora il sindaco – ma per cambiare faccia al quartiere servono anche altri interventi strutturali, a partire da una riqualificazione urbanistica fino ad arrivare a politiche di rilancio economico che incentivino la nascita e la permanenza nell’area di realtà commerciali e artigianali capaci di restituire al quartiere una identità e una vivibilità perduta da tempo”.

L’incontro di oggi “sarà solo il primo di una serie di incontri e confronti che vogliamo organizzare con i residenti per intervenire finalmente in modo efficace e partecipato su una questione centrale e troppo a lungo sottovalutata”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi