Mer 10 Lug 2019 - 1397 visite
Stampa

Modonesi lancia la petizione per la biblioteca alle Corti di Medoro: “È l’unico spazio per ospitarla”

L'ex assessore e candidato sindaco del centrosinistra ha lanciato l'appello ad Alan Fabbri e al Comune su Change.org

Una petizione per chiedere al sindaco e alla giunta di non abbandonare il progetto della scorsa amministrazione di realizzare una biblioteca all’interno delle Corti di Medoro, nell’ex Palaspecchi. A lanciare l’appello su Change.org è proprio uno tra i maggiori promotori del progetto biblioteca, Aldo Modonesi, che già nei giorni scorsi aveva criticato duramente la nuova linea del Comune, intenzionata ad ampliare il comando della polizia municipale nei locali precedentemente individuati per il polo culturale.

Secondo Modonesi “a Ferrara, dove sorgeva il Palaspecchi, da alcuni anni è in corso un’importante opera di riqualificazione urbanistica. Pian piano stanno prendendo forma le Corti di Medoro, un nuovo quartiere per famiglie, studenti e attività commerciali. Il nuovo sindaco Alan Fabbri e il vicesindaco Nicola Lodi hanno recentemente dichiarato di rinunciare alla Biblioteca che nel progetto originario avrebbe occupato circa 1.100 metri quadri. Uno spazio di studio per gli universitari (sono moltissimi quelli che vivono già nello studentato, e aumenteranno in futuro), uno spazio di conoscenza e cultura a servizio dei numerosi residenti della zona sud di Ferrara, uno spazio di svago e iniziative ludico-ricreative per bambini e famiglie”.

Nella petizione lanciata da Modonesi, che nelle prime tre ore ha raggiunto circa 300 firme, si legge che “L’ipotesi avanzata di spostarla non è evidentemente percorribile, trattandosi di altro immobile privato, sul quale l’amministrazione non ha voce in capitolo. Chiediamo al sindaco e al comune di Ferrara di tornare sui propri passi. Una Biblioteca in un quartiere in cui vivono studenti, famiglie, anziani è un presidio di sicurezza sociale, di cultura e di socialità! E le Corti di Medoro sono lo spazio più adeguato, se non l’unico, per ospitarla”.

La petizione dell’ex assessore e candidato sindaco del centrosinistra è rivolta a Comune e sindaco di Ferrara: tra i primi firmatari c’è chi fa notare l’assenza di altre biblioteche e poli culturali nella zona sud di Ferrara.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi