Gio 4 Lug 2019 - 58 visite
Stampa

Bellezza monumentale e contaminazione industriale in mostra alla Torre della Vittoria

L'hotel ospita l'esposizione itinerante Transvision dell'artista centese Flavio Biagi 

Dal 5 al 30 luglio l’artista centese Flavio Biagi espone le opere Transvision presso l’hotel Torre della Vittoria di Ferrara, in corso Porta Reno 17. Nei prossimi mesi le opere saranno esposte a Bologna e Firenze.

La mostra si presta ad una duplice lettura, artistico/ambientale, portando lo spettatore a riflettere sull’importanza di preservare il patrimonio artistico e il pianeta al tempo stesso. I Transvision sono piccoli collage composti di strati di acetato che hanno per tema delle visioni surreali.

La bellezza monumentale viene contaminata da architetture industriali, oppure è il contrario? C’è un’analisi del sentimento del sublime, che ha occupato un ruolo importante nel pensiero estetico di Kant. Paradossalmente il sentimento di piacere è generato da ciò che inquieta, fa paura o in qualche modo fugge al controllo di un soggetto razionale.

Pertanto, quale delle due rappresentazioni è maggiormente affascinante? L’aspetto provocatorio è appunto rappresentato da un innovativo stile eclettico, dove il disorientato spettatore cercherà di armonizzare le differenze estetiche in una nuova sintesi.

La tecnica usata prevede la sagomatura in digitale di immagini fotografiche, successivamente stampate su fogli di acetato; dopodiché, i soggetti vengono velati sul retro con pennellate di acrilico bianco. Infine i vari lucidi, sovrapposti l’un l’altro e incastonati in piccole teche (25×25 centimetri), andranno a formare paesaggi distopici e surreali.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi