Dom 23 Giu 2019 - 199 visite
Stampa

Il Delta del Po tra sviluppo e criticità

Tante e diverse le valutazioni rilevate durante i due workshop presso l'Università di Ferrara

Delta del Po: sviluppo, criticità e prospettive future. Questi i punti cardine dei due workshop tenutisi gli scorsi 20 e 21 giugno, organizzati rispettivamente dal il Laboratorio Terra&AcquaTech del Tecnopolo di Ferrara e dall’Accademia delle Scienze di Bologna, e dalla società scientifica LaguNet (Italian Network for Lagoon Research), nonchè dal Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche di UniFe. Entrambi gli incontri si sono tenuti presso il chiostro di Santa Maria delle Grazie, nell’Aula F7 del Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche, Via Fossato di Mortara 17, Ferrara.

Dall’antropizzazione al cuneo salino, passando attraverso l’acquacoltura, gli studiosi presenti hanno esaminato problemi e possibili soluzioni adottate ed in corso di valutazione nel primo workshop, che aveva come titolo “Itinerari Scientifico – Tecnologici nel Delta del Po: attività antropiche e uso del territorio – prospettive future tra sviluppo e sostenibilità”. Al termine delle comunicazioni, una tavola rotonda con la prof. Luisa Pasti, Responsabile Scientifico del Laboratorio Terra&AcquaTech, ed il prof. Ferruccio Trifirò, Università di Bologna. Sono state esaminate alcune delle criticità del Delta e del Po in generale che, nella sua interezza, è stato dichiarato dall’Unesco patrimonio dell’umanità.

Il tema del secondo workshop, promosso da LaguNet, è stato poi “Biodiversità, servizi ecosistemici e qualità degli ambienti di transizione” patrocinato da ISPRA, dalle società scientifiche SIBM e AIOL, dai progetti europei LIFE-AGREE e INTERREG-ADRION. Il lavoro, con un maggior focus sulla laguna veneziana e sulle valli di Comacchio e Goro, ha visto riuniti alcuni tra i maggiori esperti provenienti da istituzioni scientifiche, accademiche e governative, operanti nel settore dell’ecologia e della biologia dei sistemi lagunari, per confrontarsi sui nuovi approcci a conservazione, ripristino e prospettive gestionali delle lagune italiane. I temi del Workshop infatti includono evoluzione, funzionamento, qualità, bioinvasioni, pressioni, biodiversità, conservazione, gestione ed uso sostenibile di risorse e servizi.

Le numerose criticità di questi delicati ecosistemi (dalla flora alla fauna in tutte le loro topiche declinazioni) sono costantemente monitorate ed oggetto di studi ed applicazioni concrete grazie a due progetti LIFE ed altri progetti di ricerca (Venezia 2021) che sostengono la laguna veneziana ed il Delta nel suo complesso e nella sua complessità. Per ulteriori informazioni e programmi dettagliati, visita il sito web del Tecnopolo di Ferrara: www.tecnopolo.fe.it.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi