Mer 19 Giu 2019 - 120 visite
Stampa

Il vescovo Perego in visita a Casa Ibo

Martedì mattina ha avuto modo di conoscere la struttura di via Boschetto e apprezzare l’impegno e le attività di Ibo Italia

Nella mattinata di martedì 18 giugno, il vescovo Gian Carlo Perego, ha visitato i locali di Casa Ibo, la nuova sede nazionale di Ibo Italia inaugurata poche settimane fa. Impossibilitato a esserci infatti lo scorso 23 maggio per il taglio del nastro, il vescovo di Ferrara ha voluto conoscere di persona la struttura completamente restaurata che ospita lo staff della Ong ferrarese.

Accolto da operatori, volontari e sostenitori di Ibo, il vescovo ha avuto modo fare un tour guidato accompagnato da Alberto Osti e Dino Montanari, presidente e direttore dell’associazione. I racconti di un anno di lavori e ripristino dell’edificio che versava in situazione di grave degrado si sono alternati con la descrizione delle attività e dei progetti portati avanti a Ferrara, in Italia e nel Mondo.

Ci si è soffermati sul progetto appena approvato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale a favore dei bambini con disabilità in Tanzania, sugli interventi nelle periferie di Lima, in Perù, sostenuti dalla Conferenza Episcopale Italiana (attraverso i fondi 8×1000 alla Chieda Cattolica), ma anche e soprattutto sull’impegno di Ibo Italia a Ferrara dedicato all’educazione alla cittadinanza globale con alunni e insegnanti delle tante scuole cittadine coinvolte.

L’invito di Perego, accompagnato per l’occasione dal vicario generale Massimo Manservigi, è stato quello di continuare su questa strada, rafforzare il tessuto di relazioni con il mondo cattolico cittadino, l’attenzione verso il quartiere e i suoi bisogni, in modo che giovani e meno giovani possano vedere in Casa Ibo un punto di riferimento per il volontariato, l’impegno sociale e l’incontro con l’altro. Alla visita erano presenti anche don Emanuele Zappaterra, assistente spirituale di Ibo Italia, e padre Angelo Marcandella, presidente onorario e fondatore dell’associazione nel lontano 1957.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi