Sab 8 Giu 2019 - 4311 visite
Stampa

Fabbri agli indecisi: “Non siamo seminatori d’odio, sarò il sindaco di tutti”

Il candidato sindaco del centrodestra lancia l'appello finale in vista del ballottaggio contrastando e ribaltando la lettura che di lui hanno dato gli avversari

“Sarò il sindaco di tutti, lavorerò per unire, non per dividere”. Alan Fabbri, candidato sindaco del centrodestra, lancia un appello a chi ancora è indeciso in vista del ballottaggio di domenica 9 giugno.

“Non applicherò logiche di partito, ma di merito e ascolterò tutti i punti di vista, facendo tesoro delle critiche costruttive e accogliendo i suggerimenti di buon senso da qualunque parte provengano – assicura il candidato della Lega -. Coinvolgerò la città e i ferraresi sui progetti, ribaltando i metodi del Pd che prima impone e poi chiede il parere agli interessati. Mi spenderò anche fuori dal palazzo comunale: sarò presente tra la gente e tenace nei tavoli istituzionali di qualisiasi livello per portare a casa sempre il meglio per la nostra città. Ce la metterò tutta per realizzare i punti del patto che abbiamo sottoscritto con i ferraresi e chiederò di essere giudicato, alla fine dei cinque anni, per quello che sono riuscito a fare”.

Fabbri, nel suo appello di chiusura campagna elettorale, contrasta e ribalta la lettura che di lui hanno dato i suoi avversari: “Chiedo la fiducia dei cittadini che vogliono il cambiamento e, agli indecisi, chiedo di non lasciarsi ingannare dagli spauracchi agitati dal Pd. Non siamo seminatori d’odio, come vogliono farvi credere: l’odio lo hanno seminato loro in una campagna elettorale fatta di offese personali e gratuite. Non siamo incompetenti come bassamente insinuano: a partire da me, che sono stato due volte sindaco, assessore comunale e provinciale, commissario alla ricostruzione dopo il sisma e consigliere e capogruppo in Regione, chi farà parte della mia squadra dovrà avere le giuste capacità oltre alla buona volontà di fare”.

E ancora: “Non siamo razzisti come ci vorrebbe il candidato del Pd: lo dimostra la vicinanza di tanti stranieri al nostro progetto e l’inclusione che vogliamo assicurare a tutte le persone che sono in Italia per lavorare. Quello che faremo è garantire diritti a chi questa città l’ha resa grande e a chi contribuisce a renderla viva: a prescindere dalla nazionalità dal colore della pelle e dall’orientamento religioso, ma fuori da quel finto buonismo con cui il Pd ha nascosto un giro d’affari che serviva ad alimentare gli interessi di pochi”.

Fabbri promette spazio anche sui diritti civili: “Non siamo omofobi e oscurantisti come ci hanno accusato di essere: nelle nostre liste abbiamo rappresentanti del mondo Lgbt a cui vogliamo garantire tutti i diritti”, spiega.

“E, ancora, a contrario di quello che probabilmente sarebbe il Pd, non siamo vendicativi: non cancelleremo quello che di buono è stato fatto fino ad oggi dalle amministrazioni passate, perchè il nostro obiettivo è il bene di Ferrara. Se saremo eletti manterremo in essere tutto quello che funziona, cercando di migliorare quello che non va, senza passare sulla testa di nessuno, ma rispondendo alle esigenze che voi ci segnalerete”, continua il candidato.

“Una cosa è certamente vera – rimarca il candidato della destra -: sappiamo usare anche il pugno di ferro e lo useremo. Contro i delinquenti, gli spacciatori e tutti quelli che vivono di criminalità e credono di poter fare nella nostra città il bello e il cattivo tempo. Per loro non ci sarà più posto”.

E, infine, Fabbri affronta il tema del programma: “Ma la bugia più grande che il Pd a provato a raccontarvi, con una campagna denigratoria e poco rispettosa, è il fatto che non abbiamo un programma. I cittadini che ci hanno seguito, che si sono confrontati con noi, in questi mesi di incontri pubblici con la città e le frazioni, lo sanno benissimo”, prosegue. “La nostra idea di Ferrara è precisa e la porteremo avanti con concretezza. Vogliamo una città che valorizzi le proprie risorse trasformandole in opportunità di lavoro, una città attrattiva per chi deve investire e capace di fare del turismo un vero punto di forza. Vogliamo una città intelligente, che elimina gli ostacoli per chi vuole crescere e non soffoca nella burocrazia, che salvaguarda l’ambiente più che gli interessi economici di qualcuno, che sa mettere in collegamento il centro con le periferie, dotata di trasporto pubblico efficiente e che garantisce a tutti i residenti servizi sanitari e di prossimità”.

E infine: “Vogliamo una città sicura, inclusiva, che garantisce un welfare equo e l’assistenza alle fasce deboli, una città riqualificata e vivibile in ogni sua parte e ben collegata con il resto della regione”, conclude. “I ferraresi lo sanno: domenica è un’occasione storica per cambiare. Andare a votare è fondamentale: chi non partecipa, questa volta, è complice”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi