Dom 5 Mag 2019 - 123 visite
Stampa

#Noaldemansionamento, infermieri in presidio davanti alla sede della Regione

La manifestazione è stata indetta dal sindacato Nursing Up per denunciare un problema presenta in molte aziende sanitarie

(foto d’archivio)

Gli infermieri in presidio sotto la sede della Regione Emilia Romagna per protestare contro il demansionamento del personale negli ospedali del territorio.

La manifestazione è stata indetta per il 10 maggio alle ore 10 dal sindacato degli infermieri italiani Nursing Up, che ha lanciato la campagna di sensibilizzazione #Noaldemansionamento, “per dire basta al fenomeno diffuso del demansionamento infermieristico, un male che affligge la professione erodendo la qualità dell’assistenza e mettendo a rischio la salute dei cittadini”.

“Solo a titolo esemplificativo – spiega la responsabile Nursing Up dell’Emilia Romagna – dovete sapere che sono molte le aziende emiliano romagnole che non prevedono personale di supporto, gli Oss, in modo particolare durante il turno notturno, perciò capita spesso che in mancanza di un Oss venga impiegato un infermiere con problemi che poi si ripercuotono su altri servizi. Ergo, tutto il carico assistenziale di base (mansioni attribuibili al personale Oss) è in carico agli infermieri che vengono distolti dalle proprie peculiari attività assistenziali riducendo inevitabilmente la qualità dell’assistenza infermieristica generale. Ecco perché la lotta al demansionamento intrapresa è a favore della tutela della salute del cittadino”.

Per lanciare questo grido d’allarme e serrare i ranghi, gli infermieri si sono riuniti a Roma in assemblea nazionale, alla presenza del presidente Antonio De Palma. Per l’occasione centinaia di delegate e delegati provenienti da tutta Italia si sono dati appuntamento per programmare una serie di eventi che culmineranno con dei presidi in tutte le regioni, nei giorni 9-10 maggio. Per quanto riguarda la regione Emilia Romagna l’iniziativa, come detto, avrà luogo a Bologna presso il palazzo della regione in via Aldo Moro dalle 10 alle 13. Nello stesso giorno anche gli infermieri delle regioni Piemonte, Liguria, Trentino Alto Adige, Campania, Sicilia, Molise, Toscana, Umbria, Veneto: “una sorta di flash mob a scuotere le coscienze dei politici, dei cittadini e anche di noi professionisti”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi