Gio 21 Mar 2019 - 111 visite
Stampa

Tancini (FI) parte dalla sanità: “Via chi ha consentito l’impoverimento dei servizi in provincia”

Il candidato sindaco riflette in Senato sulle politiche locali: "Da anni la sinistra tollera un generale depauperamento, serve una svolta"

Mesola. “Le malattie ambientali sono in continua crescita in Italia, come la Sensibilità Chimica Multipla,  che interessa circa il 10% della popolazione”. È quanto dichiara il consigliere Luciano Tancini, già in corsa per le prossime amministrative come candidato sindaco di Mesola, che ha partecipato nei giorni scorsi al workshop tenutosi presso la Sala Zuccari del Senato.

Un appuntamento tenutosi alla presenza della senatrice Anna Maria Bernini, di numerosi senatori della commissione Salute del Senato, di medici ricercatori e di esponenti dell’Istituto Superiore di Sanità e dello stesso Ministero della Salute.

“Salvaguardare e difendere l’ambiente significa preservare la salute dei cittadini e quindi fornire servizi sanitari e sociali più adeguati e a minor costo: stiamo lavorando per fare approvare dal Parlamento una legge che riconosca la Mcs come malattia organica”  ha aggiunto Tancini, che nel frattempo a Mesola è candidato sindaco con una lista civica di centrodestra, con la quale conta di “dare una svolta dopo anni di immobilismo della sinistra e dei suoi maggiori rappresentanti, che hanno acconsentito e tollerato il depauperamento dei servizi sanitari in provincia”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi