Sab 9 Mar 2019 - 323 visite
Stampa

Per il Kleb la quota salvezza è a 22 punti

Carretto su Verona: “Può contare su uno dei roster più lunghi del campionato”

di Matteo Bellinazzi

Ricomincia domenica il campionato di serie A2 dopo la pausa per la coppia Italia e la Bondi Ferrara attende di ricevere la Tezenis Verona di coach Dalmonte, vecchia conoscenza ferrarese, appena rinforzata dall’arrivo dell’ex Nba Vujacic.

“Si affronteranno due squadre con obiettivi diversi” dichiara Marco Carretto, viceallenatore della Bondi, intervenuto in conferenza stampa per presentare la gara. “Verona è in corsa per raggiungere il miglior piazzamento possibile nella griglia playoff e il recente innesto dimostra che l’intenzione è quello di giocarsela fino in fondo. Dall’atra parte noi stiamo cercando di guadagnare punti più in fretta possibile per uscire dal tugurio ma abbiamo dimostrato che possiamo giocarcela fino alla fine con tutte”.

Vujacic va ad allungare un roster già pieno di talento ma Ferrara, reduce da quattro vittorie filate e dall’aver espugnato Forlì, può dire la sua dopo due settimane piene di lavoro. “Abbiamo approfittato della pausa per lavorare su noi stessi–prosegue Carretto–; lo stop ci ha consentito di metterci a posto fisicamente e di proseguire ad amalgamare meglio la squadra, rimaneggiata più volte da inizio stagione, che adesso sembra aver trovato il suo assetto definitivo. L’ultimo arrivato, Buffo, ha portato subito energia e ci ha aiutato negli allenamenti, siamo certi che potrà dare il suo contributo e dare un po’ di riposo ai veterani durante le partite per consentire loro di arrivare più freschi nei minuti decisivi”.

Fiducia presente nello spogliatoio del Kleb ma anche piena coscienza dell’avversario che si troveranno davanti i biancazzurri domenica. “Verona è una squadra che può contare su uno dei roster più lunghi del campionato, considerando anche il rientro di Udom. Talento offensivo sia sul perimetro che vicino a canestro, la chiave sarà non farli accendere. Anche uno come Vujacic non va sottovalutato. Anche se alla prima partita sappiamo bene che se gli facciamo prendere ritmo sarà difficile spegnerlo”.

Un’ipotetica vittoria significherebbe avere 20 punti in classifica con le dirette concorrenti impegnate in partite difficili ma Carretto non vuole guardare troppo in là. “Per me la quota salvezza è a 22 punti ma finché non saremo certamente salvi non facciamo molti calcoli, le sorprese sono dietro l’angolo. Per adesso pensiamo a Verona”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi