Sab 2 Mar 2019 - 170 visite
Stampa

Mingardi dichiara amore per il jazz al Torrione

Il noto cantautore bolognese ha scelto Ferrara per l'anteprima del suo nuovo progetto

La ventesima edizione di Ferrara in Jazz continua a regalare sorprese. Andrea Mingardi sarà al Jazz Club sabato 13 aprile, alle 21.30, per presentare in anteprima nazionale il suo nuovo progetto “E allora jazz…” dedicato ai grandi classici del great american songbook.

Il noto cantautore bolognese ha scelto il Torrione come data di rodaggio in previsione della prossima tournée. Attorniato da alcuni dei più apprezzati musicisti emiliani, Mingardi è pronto a regalare un’autentica dichiarazione di amore per il jazz e per le immortali interpretazioni di Frank Sinatra, Nat King Cole, Ella Fitzgerald e Tony Bennet.

Mingardi condividerà il palco con Sandro Comini al trombone, Maurizio Tirelli alle tastiere, Felice Del Gaudio al contrabbasso e Lele Barbieri alla batteria.

La programmazione di marzo e aprile prosegue con i main concerts animati da protagonisti del jazz nazionale e internazionale quali Dayna Stephens, George Cables, Larry Ochs, Yamandu Costa, Steve Swallow, Jamie Saft e molti altri. Si rinnovano in questi mesi le collaborazioni con Crossroads jazz e altro in Emilia-Romagna e Ferrara Musica.

Il “quadro nel quadro” di Ladies In Mercedes dedicato alla vocalità femminile vede Patrizia Laquidara presentare il suo nuovo “C’è qui qualcosa che ti riguarda” (22/3) e succedersi interpreti e compositrici quali Marta Raviglia, Sara Jane Ghiotti e Alessia Obino.

Sempre più animata la palestra musicale del lunedì del Jazz Club firmata Monday Night Raw con la presentazione di nuovi progetti discografici, anticipati da aperitivo con dj set e seguiti da imprevedibili jam sessions aperte da allievi e docenti del Conservatorio cittadino. In questi mesi Francesco Diodati Blackline, Amanda Tiffin Trio, Luz, Pietro Tonolo e Rosa Brunello Y Los Fermentos tra gli altri.

Si innesta ai live dell’orchestra residente, la Tower Jazz Composers Orchestra diretta da Alfonso Santimone e Piero Bittolo Bon, l’esibizione dell’Ensemble Istantanea impegnato il 5 aprile in una rivisitazione del Pierrot Lunaire di A. Schoemberg.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi