Mer 20 Feb 2019 - 1332 visite
Stampa

Spal, Mattioli si scusa con Chiesa a Sky: “Ingiusto parlare di poca serietà”

Il presidente chiude le polemiche sulle sue dichiarazioni post-partita. Anche se precisa: "Il rigore non c'era. Ci siamo sentiti presi in giro"

(foto di Alessandro Castaldi)

di Davide Soattin

Fa un passo indietro Walter Mattioli, e lo fa confermando pubblicamente le scuse a Federico Chiesa. Il presidente infatti, ai microfoni di Sky Sport, ha fornito una propria versione dei fatti circa la spinosa diatriba del momento, chiudendo definitivamente le polemiche sull’asse Ferrara-Firenze, relative all’infuocato post-partita di domenica scorsa.

“Ci siamo sentiti lunedì con la Fiorentina e ieri sera con Chiesa – ha raccontato il primo tifoso biancazzurro -. Gli ho spiegato che eravamo molto arrabbiati e che magari ho sbagliato a tirare in ballo la società, che ha fatto la sua bellissima partita. Lui ha giocato come sa giocare e non era giusto parlare di poca serietà. Questo perché è un patrimonio del calcio italiano, uno dei nostri giocatori più rappresentativi. Mi sono scusato con loro proprio perché mi dispiace”.

Nonostante ciò, il numero uno spallino non ha mancato di togliersi qualche sassolino dalla scarpa, tornando sull’episodio che di fatto ha condizionato l’andamento della gara con la Viola: “Per noi il rigore non c’era, assolutamente. L’arbitro aveva visto bene, e il regolamento parla di chiaro ed evidente errore. Che per me non è stato. Non accettiamo questo tipo di dinamica al Var, qualcosa deve essere modificato. Se dopo il fallo si fosse fermato il gioco, probabilmente tutto questo non sarebbe successo. Ci siamo sentiti presi in giro e non tutelati, chiuse le polemiche”.

“Noi continuiamo il nostro campionato, andando domenica a Sassuolo – ha poi concluso il pres -. Ci aspetta un derby importantissimo e mancherà Semplici. Gli ho proposto di andare io in panchina (ride, ndr),  però l’ho avvertito di essere meno calmo che lui. Con i giocatori abbiamo fatto una bellissima riunione, con l’obiettivo di ritornare a far quadrato tra di noi, consapevoli delle difficoltà. Vogliamo raggiungere questo grandissimo traguardo, che è quello della salvezza, perché questa città e questa tifoseria se lo meritano”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi