Mar 5 Feb 2019 - 1478 visite
Stampa

Giorno del Ricordo, Mattarella premia gli studenti ferraresi

Il Roiti vince il concorso nazionale e partecipa alla cerimonia al Quirinale per non dimenticare le foibe

Il liceo scientifico “Roiti” è risultato tra i vincitori del concorso nazionale per l’anno scolastico 2018/2019 – indetto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca- “10 febbraio – Fiume e l’Adriatico orientale. Identità, culture, autonomia e nuovi confini nel panorama europeo alla fine della Prima guerra mondiale”.

La delegazione ferrarese, guidata dalla docente di Storia e Filosofia Nicoletta Guerzoni e composta dagli studenti della classe 5^Q Scienze Applicate Chiara Dalpasso, Giulia Grillenzoni e Andrea Martello, ha avuto l’onore di essere invitata alla premiazione del concorso in quanto meritevoli del primo premio.

La premiazione si terrà durante la cerimonia ufficiale del Giorno del Ricordo dedicata alla memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo degli istriani, dei fiumani e dei dalmati italiani dalle loro terre.

La cerimonia avrà luogo a Roma presso il Palazzo del Quirinale sabato 9 febbraio, alle 11, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti.

La delegazione partecipante nella mattinata di sabato dovrà presentarsi al Quirinale per poter effettuare l’accredito al palazzo e i controlli di sicurezza.

Per la città di Ferrara è un grande evento, che si sta ripetendo negli anni e che dà lustro a un luogo definito da sempre “d’arte e di cultura”. Sono ormai quattro anni che la nostra città, grazie al lavoro e all’impegno della professoressa Guerzoni, è scelta, distinguendosi su scala nazionale, per presenziare alla Giornata del Ricordo in virtù dei lavori prodotti.

L’anno scorso la rappresentanza ferrarese ha illustrato il proprio progetto in Senato, unico istituto superiore in Italia, davanti alle più alte cariche dello Stato e quest’anno gli studenti del Roiti hanno conquistato il podio più alto caratterizzandosi per capacità e conoscenze.

A tal proposito la docente e gli studenti rivolgono un particolare ringraziamento ad Anna Maria Quarzi, direttrice del locale Istituto di Storia Contemporanea, per la grande disponibilità umana dimostrata e per i preziosi consigli elargiti.

Sono tre i progetti vincitori: “La testa di ferro” (che si snoda attraverso tre tipologie, verosimili, di dialogo tra Mussolini e D’Annunzio), “I sommersi e il Salvato” (raffigurazione in bianco e nero della fiumana di esuli, ricordando il titolo del saggio di Primo Levi) e “Grazie per avermi letto e sopportato” (rappresenta la testimonianza scritta da Attilio Smocovich, nato a Fiume nel 1940, consapevole del fatto che questa storia è stata per lungo tempo dimenticata o volutamente ignorata).

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi