Mer 30 Gen 2019 - 136 visite
Stampa

Balboni (Fdi) insiste «Ferrara ospiti Asia Bibi»

Il consigliere comunale rinnova la richiesta al sindaco dopo l'ultima sentenza della Corte Suprema del Pakistan

La conferma dell’assoluzione da parte della Corte Suprema del Pakistan porta Alessandro Balboni (Fdi) a reiterare la richiesta al sindaco affinché Ferrara si offra per ospitare la donna vittima di persecuzione religiosa. I giudici hanno respinto la richiesta di revisione del processo, la donna ora può lasciare il paese, dove è minacciata dagli integralisti islamici.

«Oggi è finalmente giunta la completa assoluzione per Asia Bibi – afferma Balboni -, la giovane pakistana vittima per un decennio di un travaglio giudiziario dovuto a una ridicola accusa di blasfemia. L’intera vicenda nacque per le discriminazioni e le intimidazioni subite dalla giovane a causa della sua fede cristiana, fede che in Pakistan è una componente minoritaria e i cui fedeli sono vittime di vere e proprie persecuzioni, anche giudiziarie, come in questo caso. Pochi mesi fa richieste di soccorso erano state lanciate all’Italia dal marito e dall’avvocato di Asia Bibi, entrambi preoccupati per l’incolumità della giovane e dei suoi figli, poiché forti tensioni sono in corso in Pakistan a causa delle minacce e dell’integralismo dei movimenti islamici.
Per questo motivo avevo proposto, tramite una mozione in Consiglio Comunale, ancora da discutere, di concedere la cittadinanza onoraria di Ferrara ad Asia Bibi, e magari di accoglierla in città. Una vicenda a mio avviso ben più meritevole di attenzione da parte della nostra amministrazione, piuttosto della solidarietà garantita a Mimmo Lucano, il sindaco fuorilegge pro migranti, come invece ha offerto Tagliani».

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi