mer 14 Nov 2018 - 957 visite
Stampa

Casette tirolesi, tra Malaguti e Serra è polemica: “Esposti al maltempo, per i commercianti piove sul bagnato”

Il coordinatore di Fratelli d'Italia: "Piazza deserta quando piove, ambulanti penalizzati". L'assessore: "Strutture adeguate a un centro patrimonio Unesco"

Estetica contro praticità, tutela del patrimonio artistico contro interessi dei commercianti: è questo il contesto che fa da sfondo allo scontro tra il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, Mauro Malaguti, e l’assessore al commercio Roberto Serra, in merito alla diatriba sulla Festa del Regalo in centro storico a Ferrara.

Malaguti non ha dubbi: il cambio di look imposto tre anni fa dal Comune ai commercianti penalizza le bancarelle del centro, a causa delle intemperie a cui sono esposti clienti e prodotti in esposizione: “Belle le bancarelle di Natale in stile altoatesino, peccato siano penalizzanti per chi ci lavora – afferma Malaguti -. La precedente distesa del mercatino natalizio, comunque approvata dalla Soprintendenza, aveva una copertura, accessi disabili e percorso non vedenti. Le nuove bancarelle, senza copertura, fanno si che quando piove lascino la piazza deserta con conseguenti mancanti incassi per chi ci lavora”.

Il coordinatore di Fdi si augura a questo punto che l’amministrazione comunale possa andare incontro ai commercianti ambulanti con qualche forma di supporto o sgravio dalle spese: “Dato che i commercianti ancora stanno pagando la rateizzazione della vecchia distesa, era stata ventilata la possibilità che il Comune li esonerasse dall’occupazione suolo pubblico, almeno per andare incontro alla incidenza dei minori incassi nei giorni piovosi, ma anche questa prospettiva pare sfumata. Così, anche quest’anno, il Babbo natale del ‘Palazzo’ non passerà per i commercianti del listone che già da anni non registrano lauti guadagni, e certo, tra forzati rinnovi di look e rate da pagare, quest’anno potranno anche affermare che: ‘piove sul bagnato’”.

Alle critiche di Malaguti risponde l’assessore Serra che, contattato da Estense.com, difende la scelta di tre anni fa: “Dobbiamo sempre ottemperare alle esigenze dei commercianti – afferma Serra -, ma con un ‘abito’ che sia consono al luogo delle bancarelle. Quando è stata fatta questa scelta per il Listone, i commercianti  hanno scelto delle strutture che fossero adeguate a un centro storico patrimonio Unesco, tenendo presente anche che non parliamo di qualche fine settimana ma di un periodo che va dalla metà di novembre ai primi di gennaio. E c’è da dire che anche in moltissime città che non hanno il centro patrimonio Unesco, ma comunque di un certo valore storico, si possono trovare i mercati ‘a casetta’, senza gallerie commerciali, quindi evidentemente non siamo gli unici a pensare a questo tipo di strutture”.

Riguardo alla mancanza di una copertura dal maltempo, Serra non la giudica una vera priorità e in ogni caso lancia un velato avvertimento ai commercianti: in caso di dietrofront, la Fiera del Regalo non potrà restare sul Listone: “Penso che quella delle casette sia la soluzione migliore e la gente, visto che siamo ormai al terzo anno, si è abituata a frequentare la Festa del Regalo anche quando piove. Se davvero si vuole una galleria, allora non pensiamo più al centro storico ma a una galleria commerciale. Quello che mi meraviglia – conclude Serra rispondendo alle critiche di Malaguti – è che la destra, che non si è mai occupata degli ambulanti, se ne occupi in questi frangenti”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi