dom 21 Ott 2018 - 1251 visite
Stampa

Una SindacA

Supponiamo che una come me – cioè diciamo pure direttamente, io – si candidasse come SindacA!!

Chi ci starebbe a Ferrara a seguire il progetto di una donna che ha avuto il coraggio di schierarsi contro la Spal per difendere la vita degli alberi?

Chi ci starebbe a mettersi a lavorare come un caterpillar per spianare quel sottobosco proliferante di funghi clientelari che ha soffocato lo sviluppo delle giovani menti ferraresi e di chi ferrarese non è ma viene pieno di speranze, a studiare nella nostra città?

Chi ci starebbe a fare un passo di lato rispetto alle proprie antipatie personali, ai pregiudizi politico-culturali per cercare una via ragionevole al benessere di questa comunità che va dividendosi in pericolosi schieramenti?

Chi ci starebbe a metterci la faccia, il corpo e pensiero e tutto il tempo che ci vuole per affermare che a Ferrara ci devono stare tutti quelli che ci vogliono stare di qualunque colore siano o qualunque lingua parlino?

Chi ci starebbe a mettere le proprie competenze , le proprie conoscenze o anche solo la propria buona volontà per recuperare le bellezze del nostro territorio sanandolo dalle terribili ferite che gli sono state inferte nel passato?

Chi ci starebbe a cominciare ad ascoltare prima di parlare, di progettare, di promettere.. per recuperare un senso di partecipazione alla vita sociale in una città dove in fondo si conoscono tutti?

Chi ci starebbe a rinunciare a interessi personali e interessi economici per un interesse generale della collettività al fine di ricostruire un tessuto sociale dove gli amici non siano solo quelli che ti offrono un vantaggio?

Chi ci starebbe , di anziano, a mettersi dalla parte dei consiglieri e chi, di giovane, a mettersi a costruire?

Chi ci starebbe a rinunciare a bandiere, identità, egoismi, vantaggi in nome di un bene comune che si chiama aria, che si chiama acqua, che si chiama suolo, che si chiama lavoro, che si chiama cultura, che si chiama salute?

Chi ci starebbe a sedersi insieme ad un tavolo per disegnare una prospettiva per la città più lunga di un mandato elettorale?

Chi ci starebbe a dire : voglio almeno provare?

Ebbene se trovassi coloro i quali si riconoscono in tutto questo, ebbene sì, io ci proverei a candicarmi sindacA!

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi