Lun 8 Ott 2018 - 1993 visite
Stampa

Blocco auto. Euro4 verso una deroga

Il Pd di Ferrara chiede un compromesso alla Regione

Il Pd di Ferrara chiede un compromesso al… Pd dell’Emilia-Romagna. In vista dell’incontro previsto per oggi, lunedì 8 ottobre, tra sindaci e giunta regionale sulle limitazioni al traffico, il segretario provinciale Luigi Vitellio, la segretaria comunale Ilaria Baraldi e l’omologo di Cento Ivan Grechi escono con una dichiarazione congiunta.

I tre esponenti dem premettono che “l’obiettivo da perseguire è la salute pubblica” e che “tutte le forze politiche hanno a cuore la qualità dell’aria che respiriamo e non si può cambiare posizione solo per provare a racimolare del consenso nel breve periodo”.

Ma allo stesso tempo “la scelta di escludere tutti gli euro 4 è una decisione dettata più dalla burocrazia che dal buon senso”.

E in effetti gli euro 4 con il filtro anti particolato (fap) e Sistema start and stop hanno emissioni simili a quelli euro 5 più che a quelli euro 3. Non è un caso infatti che l’Emilia-Romagna sia l’unica delle quattro regioni ad aver adottato questo piano straordinario anti polveri sottili includendo anche gli Euro 4 tra i divieti di circolazione.

Vitellio, Baraldi e Greghi sanno che “non possiamo tornare indietro, perché la salute pubblica è un diritto di tutti, ma usiamo il buon senso per permettere a tutti di contribuire al miglioramento della qualità dell’aria. Crediamo che dopo le sollecitazioni di tanti cittadini, artigiani e imprese, sia giusto trovare il giusto compromesso, innanzitutto nel riconoscere la possibile circolazione per chi utilizza il filtro antiparticolato dei diesel euro4”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi