Gio 4 Ott 2018 - 409 visite
Stampa

Formazione volontari nelle associazioni, ne parlano Avis ed Emergency

L'incontro domenica 7 ottobre in via Cammello 15. Si contestualizzerà anche l'operato in zone di pace e di guerra

di Simone Pesci

Come si formano i professionisti e i volontari nelle associazioni? A questa domanda si risponderà all’interno di un dibattito, organizzato nell’ambito di Internazionale da Avis ed Emergency, che prenderà vita all’interno della Casa di Stella dell’Assassino di via Cammello 15, domenica 7 ottobre dalle 10 alle 12.

“Dalle ricerche scientifiche tecnologiche all’importanza dei giovani nelle associazioni, ormai è dal 2013 che organizziamo questi convegni durante i giorni di Internazionale”, spiega Sibilla Tieghi, vicepresidente di Avis Provinciale Ferrara, in fase di presentazione dell’evento. Un momento consolidato nel quale Emergency non è un partner casuale perchè, sottolinea Tieghi, in comune con Avis ha “l’aspetto della formazione, una cosa per niente scontata nelle associazioni di volontariato”.

Il convegno si dividerà in due momenti, uno in cui si parlerà di aspetti tecnici, l’altro di aspetti pratici. “Il direttore del Centro nazionale sangue Giancarlo Liumbruno – anticipa la vicepresidente – parlerà di quali sono i confini in cui si sviluppano le leggi nazionali, mentre la direttrice del Centro regionale sangue Emilia-Romagna Vanda Randi spiegherà come le regole nazionali vengano messe in pratica a livello regionale”.

Nella seconda fase spazio al presidente nazionale di Avis Giampiero Briola e al membro della Medical Division Obs&Gyn di Emergency Raffaella Baiocchi, che contestualizzeranno l’operato delle due associazioni in teatro di pace e di guerra.

Un doppio binario che, a un certo momento, si ricongiungerà per far capire, come conclude il vicepresidente vicario di Avis provinciale Gian Paolo Barigozzi, l’importanza “del dono gratuito in alcuni Paesi: un aspetto su cui bisogna lavorarci”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa