lun 17 Set 2018 - 746 visite
Stampa

Guardie ittiche e pescatori a pesca contro il bracconaggio

Raccolti 5mila euro a sostegno di Fipsas, Upe ed Eurocarp. Falciano: "Viviamo le acque con rispetto per sottrarle alla delinquenza"

Ostellato. Si è conclusa con successo la manifestazione benefica “A Difesa di un Patrimonio”, realizzata il 14-15-16 settembre sulle sponde del canale circondariale di Ostellato, con lo scopo di raccogliere fondi a sostegno delle guardie volontarie aderenti alle associazioni Fipsas Ferrara, Upe ed Eurocarp Club operanti sul nostro territorio.

Ben 35 coppie di pescatori hanno partecipato a questa manifestazione, non certamente agonistica, ma comunque sportiva e ricca di premi in palio, realizzando complessivamente 40 catture, con Best Fish da 8,5 kg, Small Fish da 250 g, e premio per Maggior Numero di Catture segnato a 6 carpe totali.

Sergiu e Sorin, vincitori del primo e secondo premio

Significativa è stata la presenza di pescatori provenienti da tante regioni d’italia, dalla Lombardia alle Marche, dalla Toscana al Veneto. Ma ancor più importante è stata la partecipazione di 15 ragazzi di origine rumena, due dei quali per altro – Sergiu e Sorin che da tempo supportano la causa dell’anti bracconaggio – hanno vinto il primo e secondo premio della gara, per Big Fish e maggior numero di pesci catturati.

Un messaggio forte, che sottolinea quanto la passione per la pesca e per la tutela delle acque siano in grado di unire persone con la stessa mentalità. Cosa non meno di rilievo, la presenza di tanti tanti ragazzi giovani e giovanissimi, a conferma che le nuove leve, oltre che alla pesca fine a se stessa, sono ben disposte ad impegnarsi e contribuire in difesa delle nostre acque.

“Ringrazio a nome di tutte le guardie volontarie, che beneficeranno interamente dei 5000 euro di fondi raccolti, i partecipanti, le aziende e gli imprenditori del settore che hanno contribuito a rendere grande questa manifestazione – dichiara Marco Falciano, coordinatore delle guardie ittiche Fipsas e Upe e co-organizzatore dell’evento -. Un ultimo ringraziamento doveroso va al Comune di Ostellato ed in particolare all’assessore Andrea Zappaterra, che ha preso a cuore la finalità dell’evento e lo scopo della nostra battaglia per la tutela delle acque. Le acque interne devono essere vissute con rispetto ed etica, solo in questo modo le si può sottrarre alla delinquenza e al degrado”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi